Sanità Campania, Associazioni strutture private accreditate sul piede di guerra: da ottobre stop alle prestazioni gratuite

privata accreditata campana sul piede di guerra. (l’associazione dei laboratoristi di analisi); (Associazione Italiana Ospedalità Privata); -Sezione Sanità; (Sindacato Nazionale Radiologi); (Confederazione Centri Antidiabete); (Associazione Sanità Privata Accreditata Territoriale); (Associazione Italiana Specialistica Ambulatoriale) e (Associazione Centri di Riabilitazione) lanciano l’allarme. I tetti di spesa sono stati raggiunti, il budget sanitario stanziato dalla Regione si sta avviando all’esaurimento.

Morale della favola: dal mese di scatterà, inevitabilmente, il blocco delle prestazioni gratuite. Per essere più precisi, dal 27 settembre non saranno più possibili gli esami di radiologia, dal 30 si arriverà allo stop per le analisi, per le prestazioni cardiologiche e per l’assistenza diabetologia. E dal 16 si fermerà anche la medicina nucleare. All’appello, infatti, mancano circa 86 milioni di euro, 58 dei quali utili a coprire le patologie croniche e 459mila euro per le malattie rare. Ma il caso più eclatante è quello relativo alla spesa per i centri diabetologici (una decina in tutta la ): appena 100mila euro. “Meno della spesa occorrente in un anno per pagare un dirigente regionale” sottolinea, con un pizzico di ironia, il presidente dei Centri Antidiabete Luigi Gesuè. Fondi già esauriti o in via di esaurimento. La cui mancanza costringerà, di fatto, il comparto della specialistica ambulatoriale al blocco delle prestazioni. “Trovo strano come, nonostante si conoscano alla perfezione i dati statistici del fabbisogno assistenziale (calcolati annualmente, addirittura tipologia per tipologia), si continui a programmare il budget secondo vecchi dati risalenti addirittura al 2009” obietta il senatore Vincenzo D’Anna, presidente di FederLab. Per il parlamentare: “questo significa comprimere le prestazioni in base alla spesa. Ma è chiaro che siamo di fronte a un problema evidente di programmazione. Perché non assicurare almeno le prestazioni per le malattie gravi?”. Secondo i rappresentanti delle varie categorie, presenti questa mattina, alla conferenza stampa organizzata all’Hotel Mediterraneo a Napoli, alla base di tale “programmazione carente”, ci sarebbe una “concezione del privato inteso come nemico da abbattere”.

“Ma la verità – gli fa eco D’Anna – è che le strutture private sono state le uniche in grado di adeguarsi alla legge sull’accreditamento, assicurando gli standard di sicurezza e quelli di innovazione tecnologica. Lo stesso non può dirsi del pubblico, mostratosi del tutto carente in tal senso”. “C’è poi un paradosso – conclude il leader di Federlab – da non sottovalutare e che noi rappresentanti della sanità privata definiamo ‘mobilità sanitaria’. Ebbene, in base a questo paradosso, capiterà che non pochi pazienti sceglieranno di rivolgersi a strutture fuori regione, con la conseguenza che Palazzo Santa Lucia si troverà costretto a dover rimborsare anche queste trasferte. Il tutto senza contare il costo degli ammortizzatori sociali che l’ente campano sarà chiamato a sostenere per il personale che rischia, a questo punto, di andare in cassa integrazione”.

Luigi Gesuè, Presidente della Confederazione dei Centri Anti-Diabete Regione Campania, intervenendo stamani alla conferenza stampa, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Abbiamo avuto diversi incontri con la struttura commissariale negli ultimi mesi per affrontare le problematiche relative all’assistenza ai pazienti diabetici in Campania ed ai budget regionali stanziati per questa branca. 

Abbiamo nello specifico sottolineato che come avvenuto di recente per la dialisi anche l’assistenza ai pazienti diabetici va considerata tra le prestazioni sanitarie salva-vita (trattandosi di malati cronici) e non è quindi accettabile che già al 30 settembre si esaurisca il budget per i volumi di prestazioni sanitarie relativi alla diabetologia.
In Campania ci sono 27 strutture accreditate e un budget annuale di circa 8 milioni di euro. Basterebbero circa 100 mila euro in più per consentirci di arrivare a fine anno senza affanni e senza esaurire i volumi di prestazioni sanitarie indispensabili ai pazienti diabetici”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.