Musica; Festival internazionale a Roma per valorizzare arte sacra. Tavola rotonda sul ruolo del mecenatismo per i beni culturali

OLTRE MILLE ARTISTI DA TUTTO IL MONDO, IL 23 ESIBIZIONE DEI WIENER PHILHARMONIKER

“L’Italia è un Paese meraviglioso e occorre contribuire concretamente per il suo rilancio all’insegna dell’ e del turismo. Il recupero e la valorizzazione dei attraverso il mecenatismo sono la mission della nostra fondazione che anche quest’anno offrirà una settimana di concerti di classica e sacra di alto profilo nelle Basiliche e nelle chiese romane, con la partecipazione dei Wiener Philharmoniker”. Lo ha detto Hans-Albert Courtial, numero uno della Fondazione Pro Musica e arte sacra nel corso della tavola rotonda “il ruolo del nuovo mecenatismo” che si è svolta a .

Nal corso dell’incontro è stato lanciato un appello da Claudia Autieri, presidente del Comitato dei Sostenitori, ricordando come la Fondazione sia da anni impegnata nella promozione di eventi culturali di prim’ordine nella Capitale: “il nostro auspicio è che ai sostenitori stranieri si uniscano anche una pattuglia di italiani, con l’obiettivo di diventare sempre più protagonisti e contribuire allo sviluppo delle attività culturali della Fondazione Pro Musica e arte sacra consentendo il recupero di opere d’arte e l’organizzazione di ulteriori attività. C’è bisogno di un impegno corale affinché il patrimonio culturale sacro possa essere tutelato e restituito all’antico splendore grazie al finanziamento di appositi restauri”.

Nel corso della tavola rotonda il Compositore Andrea Morricone ha annunciato di aver composto e donato alla Fondazione un “Inno alla Fede” che, ha sottolineato, “rappresenta il fortissimo legame personale che mi unisce alla Fondazione, ad Hans-Albert Courtial e Claudia Autieri”.

In occasione del Festival, nella settimana dal 22 al 29 ottobre convergeranno a Roma oltre 1000 artisti provenienti da ogni angolo del globo: orchestre, cori, solisti e direttori di fama internazionale eseguiranno, in vari concerti, un raffinato repertorio sacro. Evento clou, l’esibizione giovedì 23 ottobre alle ore 21, nella Basilica di San Paolo fuori le Mura, dei leggendari Wiener Philharmoniker. L’orchestra, diretta da Ingo Metzmacher, insieme ai Wiener Singverein e un cast di voci di prim’ordine (i soprani Rachel Harnisch, Christiane Libor, Sophie Karthäuser, i due tenori Steve Davislim e Werner Güra e il baritono Daniel Schmutzhard), eseguiranno l’oratorio Lazarus, oder Die Feier der Auferstehung, partitura incompiuta di Franz Schubert, fra le più toccanti della sua produzione sacra alla quale lavorò a partire da febbraio 1820.

Il primo concerto previsto in calendario si terrà mercoledì 22 ottobre alle ore 20 alla Basilica di Santa Maria sopra Minerva, con la Cappella Weilburgensis e le voci della Kantorei Schlosskirche Weilburg entrambi diretti da Doris Hagel, che suoneranno Saul di Georg Frederich Händel. Tra i numerosi concerti – ai quali è possibile accedere gratuitamente fino ad esaurimento posti previa prenotazione al link http://promusicaeartesacra. lineamenta.org/ – da segnalare alle ore 21 di domenica 26 ottobre presso la Basilica di San Paolo fuori le Mura la monumentale Messa da Requiem di Verdi, affidata all’Orchestra e Coro dell’IlluminArt Philharmonic, provenienti dal Giappone e diretti da Tomomi Nishimoto e le voci soliste di Bunya Sayuri (soprano), Takako Nogami (mezzosoprano), Gianluca Sciarpelletti (tenore) e Tsutomu Tanaka (baritono). Il Festival, giunto alla tredicesima edizione, è promosso dalla Fondazione Pro Musica e Arte Sacra di Roma, che da anni promuove numerosi progetti di recupero dei beni culturali sacri. Il calendario completo dei concerti è visibile suwww.festivalmusicaeartesacra. net.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.