Libia. Esposito (COPASIR): “Partire con azione di cyber-war”

Vicepresidente : “Nostro dibattito interno usato da Isis per terrorizzare italiani”

“È ora di fare presto e di imparare dagli errori del passato per attuare la nostra risposta alle violenze dell’Isis. Non possiamo ricadere, anche in Libia, nella trappola in cui siamo stati già coinvolti in Somalia e in Niger. Bisogna partire con un’adeguata strategia di cyber-war capace di bloccare le comunicazioni dell’Isis sia sui social network, sia nella filiera di comando che nelle infrastrutture di questo fantomatico Stato.
Dobbiamo far lavorare contemporaneamente la nostra diplomazia e quella europea per realizzare il comune obiettivo di difendere non solo i confini, ma salvaguardare la pace nei Paesi ai noi più vicini. In Italia non è tempo di sterili polemiche, anche perché il nostro dibattito interno è usato strumentalmente dai criminali combattenti dello Stato islamico per incutere terrore tra gli italiani”. Lo ha dichiarato il vicepresidente del Copasir, Giuseppe , senatore di Area Popolare (Ncd – Udc).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.