La rete dei negozi cooperativi si confronta a Bologna

Anche le cooperative campane, aderenti al progetto QUI DA NOI, la rete dei negozi di vendita diretta e promosso da Confcooperative, saranno a Bologna il 13 aprile. Si valuteranno opportunità di interscambio dei prodotti e azioni di marketing

Consentire alle cooperative di ampliare l’offerta dei propri punti vendita anche attraverso lo scambio tra le diverse tipologie di prodotti agroalimentari. Questo uno degli obiettivi dell’incontro “QUI DA NOI, quali opportunità” vero e proprio business forum, che si svolgerà a Bologna il prossimo 13 aprile. L’incontro, promosso da Fedagri Confcooperative, e al quale prendono parte anche molte cooperative campane (concentrate nella rete di Confcooperative Salerno) farà il punto sullo stato dell’arte del progetto Qui da Noi, sostenuto in tutta Italia e anche in da Confcooperative per mettere in rete i negozi di vendita diretta delle cooperative associate.
Per la Campania sono per lo più le cooperative nella rete di Confcooperative Salerno che si uniranno a Bologna alle oltre 50 imprese provenienti da tutta Italia. Confcooperative Salerno sta difatti per costituire il Consorzio Bottega Prodotti Cooperativi Salernitani per la gestione di una bottega di prodotti cooperativi a Salerno.
La Bottega è connessa alla rete nazionale dei negozi cooperativi “Qui da noi” ed offrirà tanto ai singoli consumatori quanto a gestori di comunità e di mense prodotti agroalimentari ed ittici provenienti da cooperative operanti nel territorio salernitano, identificati sotto il marchio ombrello Prodotti Cooperativi Salernitani.
Oltre alle cooperative agricole e di pesca, interessate dal conferimento dei prodotti, sono coinvolte nel progetti, specie nei servizi annessi alla bottega, anche quelle nel settore sociale, del consumo, della produzione e lavoro.

QUI DA NOI
Qui da noi identifica i prodotti delle cooperative socie di Confcooperative e che aderiscono a progetto commerciale. Chi sceglie Qui da noi apprende che acquistare un prodotto cooperativo significa innanzitutto condividerne i valori. La solidarietà, la responsabilità, ad esempio, che sono anche propri dell’impresa , soggetto di inclusione e di coesione sociale che valorizza persone, ambiente e tradizioni agricole. A tali valori intangibili si affiancano valori reali come la sicurezza alimentare, la qualità, la genuinità, la tracciabilità e la rintracciabilità dei prodotti.

L’INCONTRO DI BOLOGNA
Il business forum di Bologna è stato ideato e concepito dagli organizzatori come un’occasione di conoscenza e di confronto tra le diverse realtà aziendali. Esso offrirà alle cooperative che hanno aderito al progetto la possibilità di esporre e far conoscere la propria gamma di prodotti, di condividere esperienze e progetti di marketing e di valutare la possibilità di effettuare un interscambio con i prodotti commercializzati da altre cooperative.

Inserito dalla Redazione

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.