Egitto; Esposito (COPASIR): “disumana condanna a morte per Morsi”

Vicepresidente : Al Sisi attore indispensabile per dialogo in Nord Africa e Mo”

“Se l’ vuole continuare a rappresentare un reale punto di riferimento democratico e un interlocutore autorevole con l’Occidente non può condannare a morte l’ex presidente Morsi e oltre cento persone che facevano parte dei Fratelli musulmani.
L’Egitto non può rallentare il suo processo di modernizzazione attraverso atti che contrastano con i principi più basilari della democrazia. Nello scacchiere geopolitico del Nord Africa e del Medio Oriente, Al Sisi può essere invece un attore indispensabile per attuare quell’interlocuzione necessaria tra i vari Paesi, sarebbe un grave errore portare avanti una decisione così scellerata e disumana. Sulla questione sono prontamente intervenuti sia l’Onu che la , attraverso l’Alto Commissario Mogherini, mi auguro che questo autorevole appello possa essere accolto per ripristinare il dialogo in un momento così complesso sia per i flussi migratori che per conflitti armati e terrorismo”. Lo ha dichiarato il vicepresidente del Copasir, Giuseppe Esposito, senatore di Area Popolare (Ncd – Udc).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.