SINDACO DI CASORIA: LA CITTÁ DEVE SAPERE, INDETTA CONFERENZA STAMPA MERCOLEDÌ

“La città deve sapere, i cittadini devono essere informati”, così Vincenzo Carfora Sindaco di Casoria. Mercoledì 16 settembre alle 18 è stata indetta una conferenza stampa presso il Business Cafè.

Nel comunicato stampa si legge:

Dopo aver esplicitamente invitato i consiglieri di maggioranza ad un dialogo chiaro e soprattutto pubblico;

Dopo aver denunziato il clima fortemente appesantito da una certa parte della stampa, con interviste e articoli offensivi senza nessun fondamento di verità; dopo aver temuto e denunziato che le “tensioni” degli stessi consiglieri di maggioranza non fossero altro che inconfessabili istanze personalissime;

dopo avere sfidato la propria maggioranza a confrontarsi pubblico con la Città, nell’unico luogo a ciò deputato, cioè il consiglio comunale;

dopo aver preso atto che l’unica risposta giunta da quei consiglieri è stata, a poco meno di 48 ore dal consiglio comunale, le dimissioni di massa presso un notaio, con un atto vile, inadatto ad “uomini pubblici” e che in quanto tali avrebbero dovuto esprimere alla luce del sole le proprie “criticità”, non già nella “facile” solitudine di uno studio notarile;

dopo aver preso atto che i consiglieri dimissionari hanno così certificato il loro personalissimo fallimento, nel tentativo di evitare che dal dibattito pubblico potesse emergere la pretestuosità delle dimissioni e la loro reale volontà di sottomettere l’interesse della Città ai loro “privati interessi”;

dopo che, con le dimissioni e lo scioglimento del Consiglio, i dimissionari “martiri della libertà”hanno colpevolmente compromesso il mantenimento del livello dei servizi sociali, esponendo a fortissimi disagi anziani, disabili, bambini, disoccupati e tutte le altre persone più deboli e bisognose;.

dopo che, con le loro dimissioni, gli stessi “consiglieri martiri della libertà”, gestiti e pilotati dal Vice Presidente del Consiglio Regionale e dai suoi seguaci, hanno messo a rischio l’esecuzione di opere fondamentali per la Città, rendendo assai probabile la perdita di ingenti finanziamenti per diversi milioni di euro;

dopo che alcuni dei consiglieri dimissionari hanno denunziato di aver subito fortissime ed inconfessabili pressioni, tese a costringerli alla firma delle dimissioni per così interrompere l’azione del Sindaco;

dopo che il Vice Presidente del Consiglio Regionale entrando come sempre a “gamba tesa” nella amministrazione di questa Città, tuona dai giornali accusando il Sindaco di non avere ascoltato i “suoi” consigli, di aver preferito agire in solitudine isolandosi dalla sua “influenza”;

dopo i fiumi di parole infamanti dei dimissionari, nell’evidente e unico scopo di sfuggire alle proprie responsabilità;

dopo aver apprezzato il comportamento di parte della opposizione, non compromessa dagli altrui ricatti, ma capace di prendere forte distanza da quel “Sistema” più volte denunziato;

dopo che, infine, le intimidazioni sono diventate atti di violenza politica;

dopo aver diffidato quegli stessi consiglieri dimissionari, una volta scoperto che avevano barattato il loro “impegno politico”, anche per interi quartieri e movimenti, con premi di cui hanno beneficiato essi ed i loro figli, nipoti, fidanzate ed amici;

Per riportare la verità storica al posto della sterile polemica, il Sindaco, nell’augurare buon lavoro al Commissario Prefettizio, dott.ssa Silvana Riccio, crede fortemente che la città deve sapere.

COMUNICATO STAMPA 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.