Svimez, Valente (PD): “per il sud uno sforzo ulteriore alla manovra”

 

“Servono decontribuzione, incentivi e un piano infanzia”. ROMA, 27 OTT – “Sebbene in un quadro ancora terribilmente critico e preoccupante, anche il rapporto sottolinea con comprensibile prudenza che la ripresa inizia a toccare il . Per questo, è necessario intervenire subito per agganciare e trainare questi primi, seppure timidissimi, segnali”

Lo dichiara la deputata del Valeria , componente dell’Ufficio di Presidenza della Camera. “E’ necessario rafforzare le misure a sostegno del , a partire dalla prossima Legge di Stabilità – spiega la parlamentare campana – Penso, per esempio, alla certezza della decontribuzione per chi assume a tempo indeterminato al Sud, con un provvedimento che la renda stabile per almeno qualche anno. Come penso a incentivi fiscali che rendano più conveniente l’occupazione femminile, una leva fondamentale per la ripresa e l’aumento esponenziale di consumi e domanda. Si tratta di misure che favoriscono il recupero dello straordinario capitale umano di giovani e donne che il non utilizza”. Infine, per , “è indispensabile mettere in campo risorse da destinare a un piano straordinario per l’infanzia, investimento prezioso per combattere disagio e devianza giovanile, tutelando a monte il  benessere dei nostri bambini”. Ha concluso la deputata del : “Al netto dei giustissimi investimenti per dotare il Sud di infrastrutture materiali e immateriali, e delle non più differibili politiche industriali che premino chi fa innovazione e, più in generale, chi punta sulle vocazioni consolidate e potenziali del Mezzogiorno, serve una terapia shock fatta da interventi di contesto generali, ma anche di misure specificamente rivolte al Sud, che riducano le disuguaglianze e riallineino i punti di partenza. Per questo, dopo l’importante sforzo avviato dal ministro Graziano Delrio e proseguito dal sottosegretario Claudio De Vincenti, su come utilizzare e spendere meglio le risorse europee, un ulteriore passo significativo deve essere contenuto adesso nella Legge di Stabilità”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.