Sanità, Matera (FI), l’ospedale Lastaria non deve chiudere

“Non credo, come sostengono i professionisti dello scaricabarile, che il riordino della rete ospedaliera sia dettata dal che impartisce regole con grande severità. La Puglia ha sottoposto nel 2010 il proprio Piano di Rientro dal disavanzo della e credo che, fermo restando il conseguimento degli obiettivi, ha piena autonomia di scelta nel razionalizzare le proprie risorse”.

 

Lo afferma l’onorevole , europarlamentare di , per la quale “gli ospedali non si chiudono perché il conto della lavandaia non torna”. “Gli ospedali si chiudono solo se sono inappropriati rispetto al dato epidemiologico, rispetto al bacino di utenza e alla viabilità, cioè alla possibilità per la popolazione locale di accedere immediatamente a strutture ospedaliere alternative”.
“Il “Lastaria” è un ospedale di frontiera – prosegue l’onorevole Matera – e non va assolutamente chiuso: se Emiliano tiene ai conti si guardi il dato sulla mobilità passiva nella sola nostra provincia e scoprirà che tra ricoveri e interventi pagati ad abbiamo elargito, per non dire sprecato, oltre 65 milioni di euro”. “E questo – conclude – dovrebbe spingerlo a potenziare l’ospedale, non certo a chiuderlo”.

 

Print Friendly, PDF & Email