Rimozione Ecoballe. I Verdi festeggiano con una torta offerta agli operai al lavoro. Controlleremo che tutto si svolga nei tempi e nei modi previsti

“Oggi è una giornata storica, uno giornata da festeggiare, per noi che, nel 2015, abbiamo stretto l’accordo programmatico con il presidente De Luca, ponendo ai primi posti della nostra lista dei punti comuni da affrontare proprio la rimozione delle ”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che, questa mattina, insieme al portavoce regionale, Vincenzo Peretti, al coordinatore dell’area, Giovanni Sabatino, e ai consiglieri comunali del Sole che ride di Giugliano, Giuseppe D’Alterio, e Qualiano, Giovanna Giglio, era a Taverna del Re per seguire l’avvio della rimozione delle ecoballe.
“Abbiamo portato una torta, preparata da Rosati del Gambrinus, e dello champagne che abbiamo offerto agli operai impegnati nella rimozione perché oggi è un giorno di festa per chi ha a cuore Napoli e la Campania che finalmente cominciano a liberarsi anche delle ecoballe, l’ultimo simbolo di quell’emergenza rifiuti che aveva sporcato la nostra terra” hanno aggiunto Borrelli e Peretti per i quali “oggi si avvia una straordinaria operazione di immagine, ma anche e soprattutto di sostanza perché si libera il territorio da quell’enorme massa di rifiuti e si continua lungo quel percorso che ci porterà a una gestione moderna ed ecocompatibile dei rifiuti che punterà sul riciclo, la differenziazione e il riuso e non sugli inceneritori e le discariche così come si è fatto negli ultimi decenni condannando la Campania all’emergenza rifiuti degli scorsi anni”.
“E’ chiaro che ora, con l’avvio della rimozione, sarà necessario verificare che tutto proceda nei tempi e nei modi previsti” hanno aggiunto Borrelli e Peretti, garantendo che “i Verdi controlleranno personalmente l’intera operazione, fino alla rimozione dell’ultima ecoballa” e che “la Campania passa dall’essere una Regione canaglia con i cumuli di rifiuti che arrivavano ai terzi piani dei palazzi alla Regione che realizza una delle più grandi operazioni di bonifiche della storia”.

Print Friendly, PDF & Email