Sanità, M5S: De Luca attacca Commissione Trasparenza. Grave strappo istituzionale

“Abbiamo appreso dalla stampa che in uno dei suoi discorsi alla nazione senza contraddittorio, da una rete tv, avrebbe lanciato accuse che se confermate sarebbero gravissime e certamente non degne della prima carica istituzionale della . Ci accuserebbe di fomentare reazioni violente nei cittadini e di usare la per farci propaganda sulla questione dell’ospedale Annunziata. Abbiamo chiesto di acquisire i filmati della trasmissione e valuteremo le azioni legali da intraprendere”.

 

Lo dice il consigliere regionale del , presidente della Commissione speciale Trasparenza che sottolinea : “Da settimane stiamo conducendo una battaglia di denuncia e verità sullo smantellamento dell’ospedale Annunziata, che scelleratamente De Luca e Polimeni stanno chiudendo e trasformando in un inefficace presidio territoriale. Forse non si aspettavano che i cittadini, gli operatori sanitari e il avrebbero reagito con tanta forza a questa negazione dell’assistenza sanitaria pediatrica per tanti ”. “L’unica arma che resta a De Luca – spiega – oltre alla bugia e infondate rassicurazioni ai cittadini, è offendere e minacciare un consigliere regionale del che sta esercitando le sue funzioni di difesa dell’interesse dei cittadini e svilire il ruolo di un’istituzione quale è la commissione Trasparenza, chiamata tra le altre cose proprio ad esercitare il controllo sugli atti della e dunque dello stesso presidente”. “Le sue affermazioni sono gravissime e segno di un’assoluta irriguardosa mancanza di rispetto per un’istituzione come la Commissione Trasparenza – sottolinea – non ci sorprendono da parte di chi continuamente calpesta le prerogative del Consiglio, gestendo le istituzioni regionali e la Campania come il suo personale feudo”. “D’altra parte nelle sue gravi offese De Luca dimostra di non conoscere le prerogative della Commissione Trasparenza – evidenzia – Sappia che i suoi attacchi non ci intimidiscono e che anzi ci rafforzano nella certezza di aver toccato un punto dolente, vista la reazione così scomposta”. “Sull’ospedale Annunziata non ci fermeremo, e già domani abbiamo riconvocato la Commissione Trasparenza proprio per fare trasparenza su una vicenda che è stata raccontata solo a mezzo stampa – conclude Ciarambino – ma di cui non si conoscono gli atti e le decisioni formali di chi ha la responsabilità di garantire l’assistenza sanitaria”.

 

Print Friendly, PDF & Email