“Colorito ” new entry per il food d’eccellenza casertano, a due passi dalla Reggia di Caserta

A cura di
Aristotele diceva che la filosofia nasce quando l’uomo ha risolto i suoi bisogni primari, prima del semplice cibo solo il buon cibo può aggiudicarsi questa posizione, aggiungeremo ai giorni nostri.

Sposa a perfezione questo concetto “Colorito ” new entry per il food d’eccellenza casertano, a due passi dalla , in uno spazio ampio dedicato appunto alle enogastronomiche casertane e campane in cui ogni angolo e’un angolo di paradiso culinario.
Coloratissimo per scelta del manager partenopeo Pasquale Buonocore, volto noto tra gli imprenditori di successo del food italiano, legato alla tradizione ma con sguardo deciso verso il futuro il quale ha scelto accuratamente i colori riproposti per i “corner di '” .
Ci spiega l’imprenditore nella conferenza stampa tenutasi ieri 6 luglio, diretta dalla giornalista Brunella Cimadomo, la sua scelta “sociale” nell’utilizzo di colori forti, decisi, un vero e proprio inno alla felicità in questi tempi di depressione e insoddisfazione generale.
Arancione per l’angolo del panuozzo che da cibo da strada diventa gourmet , verde speranza per pizza carne e pesce legate alla nostra terra, controllate dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del di cui sono certificabili le provenienze e le tracciabilità con il sistema Qr-Code, ed infine l’angolo “blu, stabilita’, come lo definisce l’attento manager, dedicato alla scura e bionda con pepe’ bianco, bucce d’arancia e limoni della .
Seguendo le orme del filosofo Kant, che non consumava mai i suoi pasti da solo, ritenendo nocivo il pranzo in solitudine, un chiaro riferimento al bisogno di socializzare anche nella scelta di un tavolo rotondo centrale per un momento di incontro destinato a coloro che scelgono Colorito anche solo per il tempo di una pausa pranzo dal lavoro.
Creato dal gruppo Megamark di Trani, una delle maggiori realtà del Sud-Italia nella distribuzione moderna (con oltre 400 supermercati in Puglia, , Molise, Basilicata e Calabria a insegna A&O, Dok, Famila, Iperfamila, Superò, Sunrise e SoleMarket, circa 2.800 dipendenti diretti e un miliardo di ricavi previsti nel 2016)
troviamo la rosticceria napoletana e la pizza del giovane e bravo pizzaiolo Valerio Vuolo, il panuozzo gourmet di Raffaele Cardillo e Tommaso De Palma “Panuk”, la birra artigianale del Vesuvio “Maneba” di Nello Marciano, le carni di grande qualità certificata dell’azienda casertana “Perol Carni” di Alberto Rossetti e Massimiliano Peretti “i dottori della carne”, il bar caffè Kenon, storico marchio della torrefazione napoletana ed una panetteria artigianale.
Tutto questo e’ Colorito “autentica scommessa” come la definisce Moreno Bellinzona direttore vendite di Megamark, nell’attesa di un riscontro dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email