Pallanuoto, il greco Georgios Dervisis è del Posillipo

pallanuoto posillipo gergioros dervisis

Con l’ingaggio per la prossima stagione agonistica di Georgios Dervisis (in foto), 22enne difensore della Nazionale greca e dell’Olimpiakòs, reduce dalle Olimpiadi di Rio, il RobertoZeno completa il suo organico.
A darne l’annuncio ufficiale il Presidente del Sodalizio rossoverde, ing.Bruno Caiazzo, visibilmente soddisfatto di essersi assicurato le prestazioni sportive del giovanissimo olimpionico greco Dervisis che andrà a ricoprire in difesa, in maniera più che egregia, grazie alla sua esperienza internazionale, il ruolo che lo scorso era del croato Andro Buslje.

Un colpo di mercato che va equilibrare il Team rossoverde troppo sbilanciato in attacco. Così, dopo gli ingaggi degli atleti Angelos Vlachopulos, il forte attaccante greco olimpionico classe 1991, del serbo Gavril Subotic , del centro boa Luca Marziali e del difensore Simone Rossi, il , con il difensore Dervisis, chiude una campagna acquisti, senza dubbio di alto profilo, improntata al ringiovanimento della squadra, con l’inserimento di atleti di grande prospettiva e di comprovata esperienza internazionale, rendendo la sua rosa tra le più del Campionato con un’età media di 23/24 anni.

GEORGIOS DERVISIS, difensore greco classe 1994, proviene dall’Olimpiakòs, medaglia di bronzo con la ai Campionati del Mondo di Kazan 2015, 6° posto Olimpiadi Rio .

ANGELOS VLACHOPOULOS, attaccante greco classe 1991, proviene dall’Olimpiakòs, 6° posto con la Grecia agli 2014, medaglia di bronzo ai Campionati del Mondo di Kazan 2015, 6° posto Olimpiadi Rio 2016.

GAVRIL SUBOTIC, attaccante serbo classe 1995, proviene dal Partizan di Belgrado, Campione del Mondo under 20 ad Almaty nel 2015.

LUCA MARZIALI, centro boa classe 1991, proviene dall’, medaglia d’argento (insieme al suo nuovo compagno di squadra Gianluigi Foglio) alle ultime Universiadi di Gwangju in Corea del Sud.

SIMONE ROSSI, difensore classe 1992, un gradito ritorno nelle file del Posillipo, dopo due anni trascorsi all’Acquachiara, per un ragazzo cresciuto nel vivaio rossoverde.

Print Friendly, PDF & Email