AL BLU DI PRUSSIA TRA REALISTI E ASTRATTISTI, GIOVEDÌ LA NUOVA STAGIONE ARTISTICA

Giovedì 13 ottobre riapre al pubblico, con la nuova stagione d’ la galleria Al Blu di Prussia di Via Filangieri a , lo spazio multidisciplinare di Giuseppe Mannajuolo diretto da Mario Pellegrino. Giunta al X anno di attività, si ricomincia con la rassegna: “Dal Gruppo Sud al Mac. a Napoli nel Dopoguerra”, un’interessante serie di eventi culturali che celebrano gli anni del primo Al Blu di Prussia, quello fondato da Guido Mannajuolo  nel 1943 e che, sino alla metà degli anni Cinquanta, ha animato la vita culturale della città, con un’intensa attività di promozione delle nuove tendenze dell’ figurativa di quel tempo.

Il progetto espositivo, dedicato al dibattito tra realisti e astrattisti nella seconda metà degli anni Quaranta propone in mostra opere e documenti di quel periodo recuperati presso artisti, collezionisti e cultori della materia, con l’aggiunta di contributi video ed interviste ad alcuni dei protagonisti di quel periodo: Renato De Fusco, Elio Washimps, Renata Prunas, Armando de Stefano che hanno accolto con entusiasmo l’idea di offrire la propria testimonianza per rendere omaggio alla figura di Guido Mannajuolo  e rinverdire le atmosfere di quegli anni quando la storica galleria è stata lo scenario dei grandi rivolgimenti che hanno portato la città ad allinearsi con le avanguardie artistiche del Novecento italiano.

ORARI DELLA MOSTRA: Sino al 7 gennaio 2017, mar-ven 10.30-13/16-20, sab.10.30-13. Ingresso libero. Brochure della mostra in galleria, Paparo Edizioni.

Print Friendly, PDF & Email