Accessibilità, visita tattile al Museo delle Carrozze d’Epoca

Le Carrozze d’Epoca – via Andrea Millevoi 693

Ascolta l’audio “c’è tutto un mondo qui dentro” come ricordano i soci dell’ --

 

 

Su richiesta dell’UICI  il “Le Carrozze d’Epoca”  ha organizzato una visita guidata nei 3000 mq di spazio espositivo che ripercorre la storia di  mezzi di locomozione celebri ma solitamente imprigionati nel grande schermo.
La possibilità di toccare e di salire alcuni dei 159 veicoli esposti  ha permesso a  non vedenti e ipovedenti di Roma di esplorarli e comprendere la loro evoluzione nel tempo attraverso forme, dimensioni, materiali ed accessori che raccontano la storia della mobilità prima delle auto… lì dove la spider esisteva già.

L’esposizione museale comunque parte subito forte con la biga di Ben Hur, successivamente il percorso conquista il visitatore con le bighe dell’Antica Roma, utilizzate durante giochi ed esibizioni; Scorrendo nel lungo percorso, si passa successivamente ai calessi e alle prime carrozze ad uso esclusivo del nobili e proprio per questo impreziosite con tendine in velluto o broccato e sedili imbottiti. Colpiscono per mestosità la “carrozza Vittoria” in onore della regina e l’inconfondibile calesse della principessa Sissi finemente decorato con intasi e stemmi dorati.

Nel corso degli anni, cresce la necessità di spostarsi sempre più velocemente; nacquero così carrozze sempre più maneggevoli e alla portata di tutti. Nel museo, è possibile visitare una carrozza del medico, più piccola e veloce rispetto alle lussuose carrozze nobiliari; oppure quelle riadattate durante le guerre per trasportare cannoni con annessa attrezzatura necessarie come cucine da campo, lettighe per i feriti ecc…

Altri pezzi rari che colpiscono i visitatori sono inoltre i calessi “per signore” con la cappotta, le classiche quanto famose grazie alle pellicole western ovvero le diligenze e una singolare carrozza “funebre” rigorosamente nerissima.



Print Friendly, PDF & Email