Alla stazione Zoologica di Napoli Anton Dohrn si parla di I ritmi della vita e le loro alterazioni

Grande evento scientifico internazionale a e
Non solo alti confronti accademici ma un convegno che vuole ‘incontrare le città, a Napoli e Firenze, con « scientifici» e con le passeggiate nei centri storici di «centinaia di scienziati provenienti da ogni parte del mondo che entreranno nei locali più frequentati dai giovani, nei pub, per raccontare la storia delle loro ricerche», come preannunciano gli organizzatori.

 

Sarà a Napoli il 29 e 30 agosto per poi spostarsi (lavorando il 31 agosto a bordo di un treno veloce, con l’originale formula di ‘convegno itinerante’) per altre per due sessioni scientifiche a Firenze, il primo ed il 2 settembre.  Si tratta del quattordicesimo congresso internazionale della ISIRD, la società internazionale per lo studio della riproduzione e lo sviluppo degli invertebrati, un «modello» per studiare temi chiave per la vita e la salute dell’uomo, come l’invecchiamento, «i ritmi della vita e le loro alterazioni», titolo dei 5 giorni di studio e confronto. L’, che segue i convegni di Detroit del 2013 ed in del 2010, per questa tappa italiana è stato affidato ad un polo scientifico di eccellenza nella biologia , la Stazione Zoologica di Napoli Anton Dohrn che ha curato l’organizzazione coinvolgendo anche l’Università Federico II di Napoli e l’Università di Firenze. Gli argomenti trattati non sono quindi per nulla lontani dalla vita di tutti giorni: spaziando tra biologia, ecologia e medicina «Hanno un impatto su temi fondamentali, comprese le malattie trasmesse da insetti, il ruolo di vari crostacei utili per l’acquacoltura e fenomeni biologici centrali legati a malattie come cancro ed Alzheimer, ed appunto l’invecchiamento, i ritmi della vita», come spiega Valerio Zupo, Ricercatore della Stazione Zoologica e organizzatore del convegno in Italia. Hanno accettato l’invito a partecipare «due premi Nobel per due keynote nelle due città. Martin Chalfie, Nobel per la scoperta delle proteine fluorescenti GFP, presiederà insieme a Tim Hunt, scopritore delle Cicline (proteine che regolano la progressione del ciclo cellulare), un simposio sui processi di invecchiamento»; nell’aula magna della Federico II a Napoli e nel Salone dei 500 di Vecchio a Firenze.

Alle ore di in treno da Napoli a Firenze, Primo congresso scientifico a 300Kmh, è stato dato anche il valore simbolico di rappresentare la velocità a cui devono oggi correre anche studi e ricerche. Ma è un convegno che vuole invece fermarsi nelle città, uscire dalle “sale convegno” (in particolare con le iniziative nei centri storici curate con le due Università) per cercare un confronto aperto coinvolgendo soprattutto giovani e studenti, come spiega Anna Di Cosmo, docente della Federico II. Saranno anche istituite delle trimestrali per gli studenti più meritevoli, provenienti da ogni parte del mondo, iscritti al congresso, da fruire presso la Stazione Zoologica di Napoli importando così nuovi ‘cervelli’.


Print Friendly, PDF & Email