Calabria, Lamberti (Federlab): “Budget esaurito, grave errore togliere soldi al territorio per implementare la spesa dei ricoveri ospedalieri”

Calabria – Commissario avvii seria programmazione reale fabbisogno prestazioni”
“Cosa aspetta il commissario alla Sanità della Regione Calabria ad avviare una seria programmazione del volume regionale delle prestazioni sanitarie?”

se lo chiede Gennaro Lamberti, presidente di Federlab Italia, l’associazione di categoria maggiormente rappresentativa dei laboratori di analisi cliniche e dei centri poliambulatori privati con oltre 2mila strutture associate presenti su tutto il territorio nazionale, denunciando “l’esaurimento, immancabile, del budget ben prima del previsto” con il conseguente “sforamento dei tetti di spesa”. Un fatto, spiega Lamberti che “comporta gravi ricadute sulla pelle dei cittadini calabresi i quali si ritrovano costretti a pagare di tasca propria analisi cliniche ed esami di laboratorio oppure a sobbarcarsi lunghe liste d’attesa negli ambulatori pubblici”.
“Togliere soldi alla specialistica per darli alle case di cura, negare l’erogazione del volume di prestazioni effettivamente richiesto dall’utenza” significa, per Lamberti “implementare la spesa sul versante dei ricoveri ospedalieri, ovvero aumentare il costo dell’assistenza sanitaria. Circostanza, questa, che, in una regione come la Calabria, alle prese con il piano di rientro dal debito sanitario, rappresenta un grave errore”. “Mentre, infatti, le regioni virtuose incentivano le attività territoriali a decremento dei ricoveri ospedalieri, in Calabria, dove il livello medio delle prestazioni erogate è di gran lunga inferiore rispetto a quello nazionale (7 rispetto a 12), avviene l’esatto contrario e questo non è più sostenibile” conclude il leader di Federlab.

Print Friendly, PDF & Email