AstraDoc prosegue con THE HARVEST in prima a Napoli e svela gli ultimi appuntamenti

AstraDoc prosegue con THE HARVEST in prima a Napoli  e svela gli ultimi appuntamenti

“Astradoc- Viaggio nel cinema del reale”, dopo un’altra intensa stagione di cinema documentario, continua con la programmazione svelando gli ultimi appuntamenti di questa nona edizione, a partire da venerdì 20 aprile con la prima napoletana di THE HARVEST di Andrea Paco Mariani, film sul caporalato agricolo nell’agro-pontino dalla prospettiva della comunità indiana che sarà presentato dal regista. Un ‘opera che per la prima volta, unisce il linguaggio del documentario alle coreografie delle danze punjabi, raccontando l’umiliazione dei lavoratori sfruttati dai datori di lavoro e dai caporali. Due storie che si intrecciano nel corso di una giornata, dalle prime ore di luce in cui inizia il lavoro in campagna alla preghiera serale presso il tempio della comunità.

 Gurwinder viene dal Punjab, da anni lavora come bracciante delle serre dell’Agro Pontino. Da quando è arrivato in Italia, vive insieme al resto della comunità sikh in provincia di Latina. Anche Hardeep è indiana, ma parla con accento romano, e si impegna come mediatrice culturale. Lei, nata e cresciuta in Italia, cerca il riscatto dai ricordi di una famiglia emigrata in un’altra epoca, lui è costretto, contro le norme del suo stesso credo, ad assumere metanfetamine e sostanze dopanti per reggere i pesanti ritmi di lavoro e mandare i soldi in India. Un docu-musical che, per la prima volta, unisce il linguaggio del documentario alle coreografie delle danze punjabi, raccontando l’umiliazione dei lavoratori sfruttati dai datori di lavoro e dai caporali. Due storie che si intrecciano nel corso di una giornata, dalle prime ore di luce in cui inizia il lavoro in campagna alla preghiera serale presso il tempio della comunità. Un duro lavoro di semina, fatto giorno dopo giorno, il cui meritato raccolto, tra permessi di soggiorno da rinnovare e buste paga fasulle, sembra essere ancora lontano.

AstraDoc prosegue con THE HARVEST in prima a Napoli  e svela gli ultimi appuntamenti 1

La storia di Gurwinder è rappresentativa di un vasto universo di sfruttamento: un esercito silenzioso di uomini piegati nei campi a lavorare, senza pause, attraversa oggi l’Italia intera. Quattro euro l’ora nel migliore dei casi, con pagamenti che ritardano mesi, e a volte mai erogati, violenze e percosse, incidenti sul lavoro mai denunciati e “allontanamenti” facili per chi tenta di reagire. The Harvest racconta tutto questo: la vita delle comunità Sikh stanziate stabilmente nella zona dell’Agro Pontino e il loro rapporto con il mondo del lavoro. I membri di queste comunità vengono principalmente impiegati come braccianti nell’agricoltura della zona. Gli episodi di sfruttamento (caporalato, cottimo, basso salario, violenza fisica e verbale) sono stati rilevati in numerosi casi, quasi sempre da associazioni che operano sul territorio locale. A fianco di questi fenomeni è inoltre cresciuto in maniera esponenziale l’uso di sostanze dopanti per sostenere i faticosi ritmi del lavoro nei campi. Sostanze che, nello specifico, si compongono di metanfetamine, oppiacei e antispastici.

The Harvest affronta la questione attraverso una lente innovativa che coniuga lo stile del documentario con quello del musical, utilizzato come espediente narrativo per raccontare la fatica del lavoro nei campi e l’utilizzo di sostanze.

AstraDoc prosegue con THE HARVEST in prima a Napoli  e svela gli ultimi appuntamenti 2

Il film è stato realizzato grazie al crowdfunding della piattaforma “OpenDDB/Distribuzioni dal Basso”, portale che sostiene la circolazione di opere audiovisive di registi emergenti e di case di produzione indipendenti in tutta Italia ed Europa, fondato dalla casa produttrice del film SMK Videofactory.

***

AstraDoc proseguirà con: il 27 Aprile il bellissimo VISAGES, VILLAGES di Agnès Varda e JR premiato a Cannes e in nomination all’Oscar introdotto da Anna Masecchia Prof.ssa di Storia del Cinema della Federico II; il 4 maggio il racconto toccante di RADIO KOBANÎ di Reber Dosky, circuitato in tutto il mondo e che sarà presentato dal Direttore del Festival dei Popoli Alberto Lastrucci; l’11 maggiol’avvincente MY GENERATION di David Batty con la voce dell’immenso Michael Caine, evento speciale alla 74° Mostra del Cinema di Venezia; il 18 maggio, infine, nuova serata dedicata a Napoli con NON PUÒ ESSERE SEMPRE ESTATE di Sabrina Iannucci e Margherita Panizon, ultima produzione del centro FILMaP di Arci Movie, e a seguire VITA DI MARZOUK di Ernesto Pagano, già autore di “Napolislam.

***

Il botteghino sarà aperto da mezzora prima dell’inizio delle proiezioni.

INGRESSO 3,00 € a proiezione | Ingresso doppia proiezione 5,00 € | SOCI ARCI 2,50 € a

proiezione

Coordinate rassegna:

Curatore: Antonio Borrelli

Dove: Cinema Astra, via Mezzocannone, 109 Napoli

INFO: 081.5967493 | FB: Astradoc – Viaggio nel Cinema del Reale | www.arcimovie.it | ti.ei1537575985vomic1537575985ra@of1537575985ni1537575985

Print Friendly, PDF & Email