Il nostro reportage sul Mediterraneo

“Più i viaggi sono lontani, più si entra nel mondo” direbbe lo scrittore Jurgen Wilbert. Il viaggio può essere desiderato e temuto, imposto e scelto o, ancora, può essere una chance per sopravvivere”…

…È questo quello che ci hanno raccontato le persone incontrate. Marisa Redivo Zaglia lavora sulle crociere; Luigi era un motorista e ha girato il mondo sulle navi senza però quasi mai godersi realmente quel viaggio, se non quando scendeva a terra. Gana Kane ha preso una barca con 300 persone per sfuggire alla fame, alla guerra, ai maltrattamenti.
Si sono spostati nel Mar per motivi e con obiettivi diversi. Quel Mare ha accolto le loro e tante altre storie che hanno il ricordo della conquista e dell’invasione; l’immagine della bellezza e i segni del dolore; le scie di sangue o le espressioni di gioia. Tutto questo accoglie e contiene quel che noi raccontiamo e tutti i giorni guardiamo con ammirazione.

 

Print Friendly, PDF & Email