Hiroshige Visioni dal Giappone -Alle Scuderie del Quirinale visita tattile per persone con disabilità visiva

A cura di Maria Camilla Capitani 

 Scuderie del : le opere di Utagawa Hiroshige accessibili per non vedenti e ipovedenti

L’Associazione di volontariato Museum e i Servizi Educativi delle Scuderie del Quirinale hanno organizzato una serie di visite su misura per non vedenti e ipovedenti alla mostra “Hiroshige. Visioni dal Giappone”, che offre una selezione di circa 230 opere del celebre pittore vissuto nella seconda metà dell’800.

La visita prevedeva una parte di laboratorio dedicata alla storia dell’artista e alle tecniche pittoriche, spiegate con l’aiuto di riproduzioni tattili, di strumenti usati per incidere il legno o materiali su cui dipingere come la carta di gelso, molto resistente.

La seconda parte si è svolta tra le sale delle Scuderie dove i responsabili della Didattica e i volontari dell’Associazione Museum hanno realizzato un percorso, posizionando davanti agli originali, delle riproduzioni, fatte con il fusore, di quattro opere del maestro giapponese.  I quadri, privi di prospettiva, sono strutturati su diversi piani distinguibili grazie a punti, linee o cerchi in rilievo. Nei “Gorghi di Naruto” l’autore ripropone, come spesso nelle sue opere, il tema della natura in tutta la sua forza e potenza con colori intensi, sfumati tono su tono.

Nei dipinti tattili, come negli originali, troviamo molti riferimenti significativi per la cultura del Sol Levante come la carpa, animale simbolo del Giappone, o l’immagine di una geisha seduta con una tazza di tè in mano, un parasole a fianco, un kimono prezioso e colorato e sullo sfondo il monte Fuji. Questo monte, in base a come viene raffigurato, con la neve o in fiore, rappresenta il passaggio da una stagione all’altra, una ricorrenza molto sentita e celebrata dal popolo giapponese.

Hiroshige è anche poeta dei suoi quadri.  Infatti in molti di questi ritroviamo delle brevi strofe che per l’occasione sono state trascritte in braille. Oltre ad esplorare le riproduzioni tattili, i partecipanti hanno potuto ascoltare delle brevi registrazioni dove Vincent Van Gogh commenta le opere di Hiroshige. Van Gogh e gli impressionisti sono stati fortemente influenzati dalla pittura dell’artista giapponese, soprattutto per quel che concerne le raffigurazioni di fiori e della natura in generale.

Grazie alla rinnovata collaborazione, fortemente e giustamente voluta da Museum, le Scuderie del Quirinale offrono a non vedenti e ipovedenti la possibilità di visitare importanti mostre temporanee come è avvenuto in passato con Frida Kahlo. Incontri, Arabesque: le suggestioni dell’oriente nella pittura di Matisse.

Una visita tattile permette di avvicinarsi realmente all’arte, alla cultura. Una persona non vedente può percepire l’opera solo toccandola ed è per questo che tali iniziative sono fondamentali e vanno sostenute al fine di garantire l’effettiva accessibilità e fruibilità di musei e luoghi della cultura

Print Friendly, PDF & Email