Concluso il concorso social Michelin #bastameno

 #bastameno – Le quattro foto arrivate prime in classifica spiegano con ironia, creatività e intelligenza quali sono le regole per muoversi e in sicurezza.

L’iniziativa, rivolta ai ragazzi dai 19 ai 25 anni, si è conclusa l’8 giugno. Nel prossimo autunno si apre la seconda fase di Live the Motion, il per la mobilità sicura e consapevole voluto da Michelin e rivolto ai più , con una “sfida di cervelli” nelle . Sono quattro i vincitori di #bastameno, il concorso social a premi voluto da Michelin per il progetto Live the Motion, il movimento virale per la mobilità sicura e consapevole che si declina in due attività diverse, una social e l’altra accademica, coinvolgendo i ragazzi dai 19 ai 25 anni, tra le persone più soggette agli incidenti stradali.

Ad aggiudicarsi i premi in palio, quattro viaggi a scelta tra Barcellona, Londra e Santorini, sono stati Chiara di , Laura di Arenzano (GE), Soljane di Parma ed Enrico di Cuneo. Vincere non è facile: ai concorrenti è chiesto di iscriversi al sito www.livethemotion.it, scattare una foto (dal tono serio, scherzoso o ironico) che esprimesse la propria idea di mobilità sicura e caricarla direttamente sul sito o postarla sui propri canali social, Instagram e Facebook, con l’hashtag #bastameno. All’iniziativa, che aveva come obiettivo la diffusione delle buone pratiche legate alla tra le nuove generazioni, hanno partecipato più di 1.300 persone in tutta Italia.

A conquistare il podio sono state le quattro foto che con ironia, creatività, originalità e intelligenza hanno saputo comunicare il messaggio che per viaggiare sicuri basta seguire le 10 semplici Regole d’Oro. È questo il senso dell’hashtag #bastameno. Tutti i vincitori e i partecipanti, da protagonisti della propria sicurezza e di quella dei loro amici, sono diventati anche testimonial social della campagna #bastameno.

Chi sono i quattro vincitori

Chiara ha vinto con la foto intitolata “Rambo -5”.

Chiara è un’infermiera e si trovava in vacanza nelle Marche con tutta la famiglia quando è venuta a sapere del concorso. “Sono entrata nel sito che, con un linguaggio semplice ed efficace, affrontava una tematica molto importante, la sicurezza stradale. Così ho condiviso le tematiche del concorso con la mia famiglia e insieme abbiamo deciso di partecipare”. Poi la trovata geniale: Chiara decide di ispirarsi a Rambo, l’eroe tutto muscoli interpretato da Sylvester Stallone nell’omonimo film del 1982. “Abbiamo immaginato una situazione molto comune al giorno d’oggi e altrettanto rischiosa: usare il telefono mentre si guida. A volte si è disposti a tutto pur di rimanere “connessi”, anche a legarsi il telefono in testa! Perché non rappresentarlo in una foto? E così mio fratello si è improvvisato “attore”…. La fascia in testa, l’atteggiamento un po’ spavaldo…. ma sì, abbiamo pensato, è proprio lui: Rambo! E “-5” sono i punti della patente che vengono tolti se si guida parlando al cellulare!”, conclude Chiara.

Enrico ha vinto con la foto intitolata “Al volante, la testa prima di tutto! #bastameno”.

Enrico lavora come operaio a Cuneo. “Ho trovato questo progetto molto interessante perché era rivolto nello specifico alla fascia d’età alla quale appartengo”, dice Enrico. “Mostrare quali sono le regole fondamentali della sicurezza in strada attraverso i social e farlo in un modo divertente è la strada giusta per arrivare a un pubblico più giovane”. Poi spiega: “Per realizzare la foto, sono salito in macchina e ho cercato di immaginare qualcosa di creativo e di dimostrare, allo stesso tempo, che bisogna utilizzare la testa, proprio come ho descritto nella didascalia della foto”.

Laura ha vinto con la foto intitolata “Sì party = Non Parti #bastameno”.

Laura studia Scienze della Comunicazione ed è appassionata di fotografia e viaggi. Quando è venuta a conoscenza del concorso #bastameno tramite Facebook, non ha esitato un secondo: ha chiamato la sua migliore amica e con lei ha deciso di partecipare. “Il tema della sicurezza stradale ci sta molto a cuore e ci piaceva l’idea di poter raccontare le buone pratiche a modo nostro, senza troppe restrizioni”, spiega Laura e continua: “Abbiamo deciso di adottare un tono ironico e allo stesso tempo di mandare un messaggio importante e ben chiaro. La nostra foto vincente ha come tema la guida in stato di ebbrezza e il suo slogan è “SI’ party = NON parti”. Dopo svariati tentativi, occhi chiusi e minuti interminabili in macchina sotto il sole, siamo riuscite a realizzare lo scatto che ci soddisfaceva. Il significato è tutto racchiuso nello slogan che avverte: se vai al party e bevi troppo, con la macchina non parti!”.

Soljane ha vinto con la foto intitolata “Protetti in strada”.

Soljane è una studentessa appassionata di fotografia e ha partecipato al concorso con un suo amico che le ha fatto da modello. “Io e il mio amico siamo entrambi giovani autisti e ci siamo confrontati con il messaggio del concorso: ci vuole poco per viaggiare sicuri”, racconta Soljane. “Inoltre ho apprezzato il fatto che sia stata un’iniziativa proposta dai giovani ai giovani e che di conseguenza sfrutti i nuovi media. Così, io e il mio amico abbiamo riempito la macchina con gli accessori più disparati (vestiti medievali, scolapasta, mattarello, macchinina giocattolo presa in prestito dalla figlia della mia amica) e ci siamo incamminati in aperta campagna”. Neanche un acquazzone improvviso ha scoraggiato i concorrenti: “Eravamo bagnati fradici, ma quel cielo nuvoloso e grigio è stato il tocco in più che ha reso particolare la foto”.

I premi

I quattro vincitori sono stati premiati con un di quattro notti per due persone, a scelta tra Barcellona, Londra e Santorini.

Il progetto Live the Motion continua nelle università

Nel prossimo autunno, Live the Motion entra nelle università, invitando gli studenti di tre atenei italiani a presentare progetti nuovi e originali sul tema della mobilità e dell’innovazione.

I vincitori riceveranno il Premio Michelin, che contribuirà a finanziare la realizzazione dei loro progetti. Ulteriori informazioni saranno disponibili in un successivo comunicato stampa dedicato.

Print Friendly, PDF & Email