Al via la campagna antinfluenzale in Campania

La vaccinazione il miglior strumento di prevenzione contro l’influenza. Secondo il Piano di Prevenzione Nazionale Vaccinale, è offerta gratuitamente ad alcune categorie di popolazione, quali per esempio gli ultrasessantacinquenni, le donne in gravidanza, i donatori di sangue, coloro che svolgono servizi pubblici e i portatori di malattie croniche – come i diabetici, i cardiopatici e le persone con disturbi respiratori, quali asma e bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), che se contagiati possono andare incontro a serie complicanze. Tra di quest’anno c’è l’offerta di un ciclo di vaccinazione antinfluenzale nel carcere di Poggioreale raccomandata per proteggere dal contagio non solo i detenuti ma anche gli operatori e il personale penitenziario che qui lavora.

Nel nostro Paese le coperture vaccinali sono tuttavia ancora lontane dal 75 per cento, che è l’obiettivo del Ministero e del Piano Nazionale Prevenzione Vaccini. Proprio per questo motivo ben 8,7 milioni di italiani sono stati colpiti dall’influenza nella stagione passata, tra i quali si sono contati 764 casi gravi.

Rispettare i tempi di vaccinazione è pertanto quanto mai importante per allontanare il rischio di prendere l’influenza. Il vaccino antinfluenzale va infatti eseguito ogni anno tra novembre e dicembre poiché inizia a proteggerci dopo circa due settimane dalla sua somministrazione.

Print Friendly, PDF & Email