Agroecosistema sotto controllo col Centro di monitoraggio Mogae

Promosso ad Acerno nella sala convegni del Parco Regionale dei Monti Picentini, il Centro Regionale per il Monitoraggio e la Gestione dell’Agroecosistema della Campania (Mogae).

Mogae

Nato dalla sinergia tra l’Assessorato all’Agricoltura della RegioneCampania e il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università Federico II, il Centro vuole contribuire al mantenimento del giusto equilibrio tra le attività antropiche in ambito agricolo e zootecnico e quelle di conservazione della biodiversità naturale.

Alla fine del convegno “Il cane e il lupo nell’agroecosistema della Campania: prevenzione dei danni e conservazione della biodiversità zootecnica” è stato firmato il protocollo d’intesa tra il presidente Fabio Guerriero del Parco Regionale dei Monti Picentini, il presidente Antonio Briscione dell’Ente Riserve Naturali “Foce Sele-Tanagro” e “Monti Eremita-Marzano” ed il professor Gaetano Oliva, direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali.

Mogae

Il Centro per il monitoraggio e la gestione dell’Agro ecosistema della Campania nasce per promuovere tutte quelle iniziative che permettono la tutela e la promozione delle attività produttive nei settori agricolo e pastorale, ma, al tempo stesso, garantiscano anche la salvaguardia dell’enorme patrimonio naturale che abbiamo a disposizione” affermano i professori Vincenzo Peretti e Luigi Esposito della Federico II per i quali, nella fase di progettazione, ma anche nella gestione del Centro MoGAE sarebbe opportuna la piena collaborazione tra Istituzioni, mondo accademico e associazioni di categoria”.

Moge
Luigi Esposito e Vincenzo Peretti

Peretti ed Esposito hanno anche sottolineato che: “Il MoGAE Campania, in accordo con la normativa vigente, dovrebbe partecipare al processo di sviluppo sostenibile e di conservazione degli ambienti agricoli, forestali e pastorali e della biodiversità della Campania, avvalendosi della consulenza degli enti scientifici della Campania e attuando azioni dirette indirette di monitoraggio, controllo, formazione, informazione e indirizzo negli ambienti agro-silvo-pastorali inclusi, i siti di importanza comunitaria e le zone a protezione speciale”.

Prossimo appuntamento di MoGAE: Ente Riserve Naturali Regionali Foce del Volturno, Costa di Licola e Lago di Falciano, “Specie invasive e danni all’agricoltura ed all’ambiente”.

Print Friendly, PDF & Email