Connectivia vara il patto di solidarietà aziendale in costiera amalfitana

Angri (SA) -Connectivia in costiera amalfitana. L’operatore delle telecomunicazioni Connectivia vara un patto di solidarietà aziendale. Fino a fine 2020 taglia del 50% i canoni agli operatori del turismo della Costiera Amalfitana. Un territorio dove l’azienda è fortemente radicata, essendo il solo operatore che fornisce servizi su fibra ottica è partner primario del settore turistico, a favore del quale ha adottato una misura di sostegno concreto.

L’amministratore delegato Maria Langella dichiara: “Il nostro logo rappresenta due persone che si abbracciano. Un abbraccio di tecnologia. Che oggi diventa abbraccio di solidarietà. Abbiamo pensato di mettere in pratica una politica di sostegno tra aziende, immediata. Il nostro patto di solidarietà per resistere ora alla tempesta e poterci poi rialzare tutti assieme. Tutti assieme siamo parte di un comparto, il turismo, che dà pane e vita al territorio e assieme vogliamo affrontare la crisi. Da giugno fino alla fine del 2020, i nostri servizi di connettività saranno scontati del 50%. Quando dovremo ripartire la rete sarà uno degli strumenti più importanti per poter comunicare e raggiungere clienti in tutto il mondo, da qui la scelta di garantire l’accesso agevolato a questo importantissimo strumento agli operatori del turismo. Abbiamo fatto questa scelta con lo stesso spirito che ci ha guidato nel portare per primi la fibra ottica in Costiera Amalfitana, abbattendo il digital divide senza un solo euro di contributi pubblici. ”

Per attivare lo sconto, va inviata la richiesta via mail ad , con oggetto “Emergenza COVID-19”, inserendo i dati dell’azienda che usufruisce dei servizi ed in allegato la visura camerale. A tutti i richiedenti sarà applicata la modifica del contratto con lo sconto da parte di Connectivia in costiera amalfitana.

L’amministratore delegato Langella prosegue: “ Il momento non è facile e ci sta mettendo davanti a situazioni mai vissute prima e, conseguentemente, a scelte mai fatte prima, ma non c’è alcun dubbio che  siamo più forti. Anche per questo motivo CONNECTIVIA aderisce alla campagna #iopagoifornitori, perché il momento di crisi richiede da parte di tutti comportamenti etici e serietà a supporto della collettività e del comparto produttivo del nostro Paese. “

L’azienda ha aderito, e continuerà ad aderire laddove possibile, a campagne solidali. Come fatto con la piattaforma per le riunioni virtuali Meet, messa a disposizione di tutti gli amministratori pubblici in forma totalmente gratuita.

STORIA ED ESPERIENZA
Connectivia nasce nel 2007 come WISP (Wireless Internet Service Provider), fornitore di servizi internet, e negli anni si specializza nel campo della connettività a banda larga wireless.

L’avvio è subito all’insegna di costante sperimentazione e rilevanti successi, con intere città sottratte all’arretratezza tecnologica con la connettività wireless. Maturano l’esperienza e la vocazione di Connectivia: abbattere il digital divide.

Nel 2010, valorizzando il know-how acquisito, avvia un processo di riorganizzazione aziendale, ampliando la sua offerta e applicando il concetto di “smart” allo sviluppo. A navigazione e telefonia Voip si affiancano sicurezza urbana, drone security, cyber security, tecnologie per le smart city e un ampio ventaglio di servizi per le telecomunicazioni.

Nel 2015 il Governo Italiano approva, in coerenza con l’Agenda Europea 2020, la strategia per la banda ultra larga con la quale intende coprire, entro il 2020, una quota di 85% della popolazione con infrastrutture di rete a velocità pari o superiore ai 100 mega. In un contesto tecnologico che promette grandi mutazioni, Connectivia decide di anticipare tali cambiamenti sperimentando, progettando e realizzando nuove tecnologie che aumentano le performance della sua rete. Il processo è supportato da una solida analisi strategica: studiando la distribuzione geografica delle utenze, si deduce che investendo oltre che sul wireless anche sulla fibra ottica, si potrà mantenere e incrementare il mercato.

Nel febbraio 2016 Connectivia ottiene l’autorizzazione generale all’installazione e alla fornitura di una rete di comunicazione elettronica, espletata sull’intero territorio nazionale e nei confronti di un numero di utenti inferiori alle 50000 unità. Viene così autorizzata a fornire i suoi servizi anche su fibra ottica e parte col piano per la realizzazione di una rete propria. Sulla scia dell’upgrade tecnologico di rete, che vede passare i picchi di velocità da 10 a 100 mega, il mercato aumenta del 32%, confermando le proiezioni analitiche.

Il 2016 è anche l’anno nel quale viene implementata un’innovativa soluzione in Cloud per la gestione del Wi-Fi nelle attività rivettive: WiKey, che fa del Wi-Fi una potente risorsa di marketing.

Nel 2017 Connectivia, a riprova della solidità e dell’autorevolezza conseguite, entra nella vendor list di FastWeb, seguendo per conto di questa primaria azienda rilevanti progetti.

Il 2018 vede il riconoscimento di importanti certificazioni. La UNI EN ISO 9001:2008, che garantisce la qualità ed il miglioramento costante dei servizi di telecomunicazioni e di tutte le procedure interne aziendali. E la certificazione internazionale ISO/IEC 27001:2013 che assicura l’integrità, la riservatezza e la corretta gestione di tutti i dati sensibili, anche in materia di sicurezza tecnica e IT.

Viene presentata la rete in fibra ottica realizzata in Costiera Amalfitana senza fondi pubblici. Il 21 maggio 2018 il Corriere della Sera scrive “L’azienda che entrerà nella storia per aver abbattuto il digital divide in Costiera Amalfitana si chiama Connectivia”.

Il 2019 è l’anno del salto tecnologico per la Costiera Amalfitana. Il 90% del territorio, che fino a poco prima era in digital divide, è stato raggiunto dalla fibra ottica e dalla banda ultralarga grazie a Connectivia.

Print Friendly, PDF & Email