Il mistero delle cariche all’Ente Autonomo Volturno

Il mistero delle cariche all’
Poca chiarezza secondo il sul vertice dell’Ente Autonomo Volturno.
L’avvocato Fortunato ha, infatti, inviato un esposto alla Procura della   e alla Procura della Repubblica in merito alla nomina del dott. Umberto De Gregorio ed ai suoi tre incarichi di vertice.  Secondo l’esponente garante dei diritti dei cittadini, il dott. De Gregorio, Presidente dell’Ente,  non ha i requisiti né per Direttore Generale né per Dirigente e manca la dovuta procedura pubblica.
Stando al documento del Difensore Civico, l’ing. Sposito, vincitore di concorso,  ha presentato le sue dimissioni nel luglio 2018 da Direttore Generale, divenendo subito e misteriosamente dirigente dell’azienda e con le stesse funzioni tipiche del Direttore Generale, sostanzialmente modificando solo la denominazione in “Direttore Operativo Centrale” e lasciando così vacante il posto che il rappresentante della Regione Campania  (ing. Cascone) gli ha conferito, pur non avendo i requisiti e saltando ogni procedura.

Il dott. De Gregorio e la Regione Campania si difendono dicendo che all’ATAC di si è nominato il Presidente quale Direttore e l’Anticorruzione ha detto che va bene. L’avv. Fortunato ha evidenziato che l’Anticorruzione ha solo dichiarato la compatibilità ai sensi del decreto legislativo 39 del 2013  ma non che si possa prescindere dai requisiti che il dott. de Gregorio non ha. Poi all’ATAC la nomina è stata fatta dal consiglio di amministrazione secondo il suo Statuto mentre nella Regione Campania ha proceduto il socio pubblico non rispettando le procedure pubbliche richieste, pur avendo agli atti un chiaro parere della Regione Campania.

Invece poi di regolarizzare la vicenda il vertice politico della Regione Campania ha fatto solo tentativi di far restare De Gregorio su quella poltrona concessagli arbitrariamente e che ora il Difensore Civico invita a lasciare subito.

Il mistero delle cariche all’Ente Autonomo Volturno

Print Friendly, PDF & Email