Istituzioni in visita al Vebo

I parlamentari italiani, Antonio Tasso (gruppo Misto) e Alessandro Amitrano (M5S) ed il sindaco di Napoli, Lugi de Magistris, hanno visitato il salone internazionale Vebo –  bomboniera, regalo e casa – prima esposizione italiana del settore a riaprire il quartiere fieristico della Mostra d’Oltremare di Napoli dopo il lockdown.

da sx de Magistris, di spalle on A.Tasso (Gruppo Misto) e on A.Amitrano (M5S).jpg

da sx il sindaco Luigi de Magistris, di spalle On. Antonio Tasso (Gruppo Misto) e On. Alessandro Amitrano (M5S)

Il primo cittadino napoletano, costante visitatore negli anni della fiera, ha invitato gli espositori a non mollare, incoraggiandoli ad andare avanti pur nelle difficoltà ma a non restare a casa.

“È un momento difficile, però è nei momenti difficili che si vedono le persone che valgono – ha affermato de Magistris – ed io sto qua ad esprimere apprezzamento per chi non ha rinunciato allo stand, per chi c’è stato facendo numeri bassi, ma questo viene apprezzato: se ti chiudi in casa e molli hai già perso, se lotti puoi anche vincere e noi siamo qui per provare a combattere ai tempi della pandemia”

Poi de Magistris ha lanciato una stoccata al governatore De Luca: “La politica e le istituzioni dovrebbero avere la capacità di non perdere mai il buon senso e far convivere la responsabilità individuale e collettiva per la salute, che è la priorità, ma questo non significa dover necessariamente rinunciare al resto dei diritti e della vita. Quindi non servono proclami terroristici, non serve panico e non serve allarme, serve responsabilità, rigore, coraggio, buon senso e tenderci la mano anche se non possiamo darcela, essere uniti con un senso di comunità”.

On. Antonio Tasso (Gruppo Misto) (2).jpg

Onorevole Antonio Tasso – Gruppo Misto

La giornata conclusiva del Vebo ha visto anche la presenza dei parlamentari Antonio Tasso (Gruppo Misto) e Alessandro Amitrano (M5S), membro della segreteria del presidente della Camera Roberto Fico. Gli onorevoli sono al fianco del settore rappresentato per il comparto dall’AIRB (Associazione Italiana Regalo, Bomboniera, Wedding e Confetti) già da tempo avendo, con il loro impegno, ottenuto un riconoscimento di 5 milioni di euro a fondo perduto, per il segmento produttivo e la sua filiera, nel decreto Rilancio.

La loro partecipazione alla convention nazionale dell’AIRB ha fornito ulteriori garanzie al comparto che conta circa 500mila operatori del settore e fattura ben 36 miliardi di euro all’anno. Le difficoltà causate dal Covid 19 hanno messo in ginocchio il mondo Wedding e la sua specifica filiera della bomboniera, confetto ed oggettistica. Parole rassicuranti, con aiuti istituzionali nel campo di promozione del prodotto e dell’immagine, hanno concluso i loro interventi alla convention.

Luciano Paulillo pres. salone Vebo.jpg

Luciano Paulillo, presidente Vebo

Soddisfatto anche Luciano Paulillo, organizzatore del salone internazionale Vebo “Certo è stata una edizione ridotta, una Special Edition, passando dai consueti 260 espositori in sette padiglioni agli attuali 50 in solo due, ma serviva per dare continuità alla fiera e soprattutto un segnale forte di ripresa. Non è stata una fiera dove si sono registrati forti scambi commerciali, essendo destinata agli operatori di settore, ma ci si è guardato negli occhi per poter andare avanti uniti, grazie alla partecipazione dei rappresentanti del Governo potremo puntare ad un 2021 migliore e magari di successo per l’intera filiera del wedding”.

Print Friendly, PDF & Email