“Come si scrive ti amo in coreano”, il corto da San Giovanni a Teduccio alla Festa del Cinema di Roma, è online gratis su Timvision

”, il corto da alla , è online gratis su

Dopo la proiezione alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Alice nella Città, arriva sulla piattaforma digitale Timvision fino all’8 novembre con iscrizione gratuita, il cortometraggio “Come si scrive ti amo in coreano” per la regia di Giovanni Piperno scritto con gli allievi del Liceo Statale Don Lorenzo Milani, I.S.I.S. Rosario Livatino e I.C. Vittorino da Feltre, prodotto da Antonella Di Nocera e realizzato per il progetto  “Amori a San Giovanni a Teduccio” nel laboratorio di cinema promosso da Parallelo 41 produzioni presso il Liceo Statale Don Lorenzo Milani e condotto da Giovanni Piperno, Pier Paolo Piciarelli e Rossana Palumbo, nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBACT (Bando Cinema per la Scuola – Buone Pratiche, Rassegne e Festival A.S. 2018/2019).

Con Anna Scialò, Sabrina Smiraglia, Erika Cerqueto, Mattia Cascone e la partecipazione straordinaria del soprano Angela Jihee Kim, il corto, della durata di 21 minuti, racconta la storia di una adolescente napoletana, che nella vita ha un unico grande amore: Jenny, la giovane cantante coreana che spopola tra i ragazzini di tutto il mondo. Una notte Jenny in persona le appare in sogno e le annuncia la sua prossima venuta a Napoli. Alla nostra protagonista sembra solo una bellissima visione, ma quando si sveglia e si accorge, tramite il profilo social della cantante, che è tutto vero, convince i suoi amici a marinare la scuola per una disperata e comica ricerca di Jenny per le strade del centro storico di Napoli. Riusciranno lei e i suoi amici a trovarla?

È possibile vedere il corto a questo link https://www.timvision.it/detail/60036459-come-si-scrive-ti-amo-in-coreano 

COME SI SCRIVE TI AMO IN COREANO 

Italia, 2019, 20 minuti

colore, Full Hd 1920×1080

di Giovanni Piperno

con Anna Scialò, Sabrina Smiraglia, Erika Cerqueto, Mattia Cascone 

e la partecipazione straordinaria di 

Angela Jihee Kim

E con Maria Roberta DonatoLucia Mollo, Mary Di Domenico, Martina Granato, Nadia Maddaluno, Lucia Autiero, Gabriele La Torre, Luciano Autieri, Mario Battaglia, Matteo Cesare, Ciro De Francesco, Luciana Perrino, Fatima Balisciano, Vincenza Campoluongo, Francesco Pio Mauro, Francesca Narangio, Serena Nicchia, Sara Scognamiglio, Arianna Ventura, Francesca Vuolo, Rosalìa Zuccarini.

Prodotto da Antonella Di Nocera

Soggetto Anna Scialò

Sceneggiatura Pierpaolo Piciarelli, Giovanni Piperno

Musica originale Marco Vidino

Montaggio Chiara Dainese

Suono in presa diretta Valerio Tedone

Montaggio del suono ed effetti sonori Marco Osso Furlan

Aiuto Regia – Secondo Operatore Luca Bonaventura

Aiuto Regia Flavio Ricci

Colorist Andrea Maguolo

Coordinamento Set Claudia Canfora

Coordinamento Ufficio Produzione Grazia De Micco

Microfonista Ciro De Francesco

Edizione Carmine Antinori Assistente Operatore Matteo Cesare

Grafica Stanislao Cantono Di Ceva

Assistente Alla Regia Nicola De Rosa

Assistente Alla Regia Laboratorio Rossana Palumbo

Assistente Di Produzione Alessio Del Donno

Giovanni Piperno

Ha diretto numerosi documentari, tra i quali “Un thè sul set” al Festival di Venezia del 1995, “Intervista a mia madre” in onda in prima serata su RAI 3, “Il film di Mario” trasmesso anche da ARTE (entrambi assieme ad Agostino Ferrente) e “L’esplosione” vincitore del Torino Film Festival 2003 e candidato ai David di Donatello 2004 come miglior film documentario. “CIMAP! Cento italiani matti a Pechino” ha partecipato al Festival del Film di Locarno 2008.  Il suo film su la famiglia Agnelli, “Il pezzo mancante”, ha vinto al Torino Film Festival 2010 il premio Cinema Doc, il premio miglior regia Cinema Doc ed è uscito in sala nel 2011. “Le cose belle”, co-diretto con Agostino Ferrente, ha vinto venticinque premi tra nazionali e internazionali, ed è uscito nelle sale italiane nell’estate del 2014. Con il film collettivo “9×10 novanta”, prodotto dall’Istituto Luce è alle Giornate degli autori a Venezia nel 2014. Il cortometraggio “Quasi Eroi” ha vinto il Nastro D’Argento 2016.



Print Friendly, PDF & Email