Vaccini anti Covid, Barbara Preziosi (Iv): «Le prime dosi siano destinate ai medici campani. Bisogna sostenere una sanità impoverita da dieci anni di commissariamento»

«I medici Campani dovranno essere tra i primi a ricevere il vaccino anti una volta che questo sarà disponibile. La nostra è una sanità che per un decennio è stata distrutta dal commissariamento, è giusto che un primo sostegno arrivi a chi lavora in condizioni difficili».

, coordinatrice provinciale di Napoli di , interviene sul tema dei vaccini anti Covid chiedendo con forza che Napoli, e più in generale la Campania, sia tra le prime zone nelle quali far arrivare le dosi.
«Nonostante la Regione abbia fatto un grande lavoro di risanamento – prosegue Preziosi – le carenze di organico andranno recuperate negli anni a venire. Intanto si provveda a dare sostegno immediato con i vaccini non appena saranno disponibili. Non possiamo permettere un nuovo “flop” come il bando della per il personale, che è servito a poco o nulla». Preziosi raccoglie anche l’appello dei e chiede che non siano dimenticati nell’erogazione dei primi vaccini. «La medicina territoriale, assieme a quella ambulatoriale e ospedaliera, – conclude – deve essere tra le prime ad essere messa al riparo dal rischio di contagio. Solo così possiamo dare il via ad una nuova fase che ci porterà a gettarci alle spalle questa catastrofe».

 

Vaccini anti Covid, Barbara Preziosi (Iv): «Le prime dosi siano destinate ai medici campani. Bisogna sostenere una sanità impoverita da dieci anni di commissariamento»