Imprese funebri: “Noi, categoria a rischio dimenticata da tutti, chiediamo priorità per le vaccinazioni Covid come per il personale sanitario”

Tammaro (EFI): “Dal primo momento della pandemia funebri sono in trincea. Siamo a contatto con ospedali e malati ma nessuno ha pensato a noi”

 

***

 

Dal primo giorno dell’esplosione della pandemia Covid le imprese funebri sono in trincea, così come il personale sanitario, ma nel calendario vaccinale siamo considerati al pari di impiegati d’ufficio. Chiediamo che questa tendenza si inverta subito, e che i dipendenti delle pompe funebri, delle funeral house e di tutto il comparto cimiteriale siano considerati categoria a rischio”. È l’appello che viene da Gennaro Tammaro, delegato e rappresentante EFI (Eccellenza Funeraria Italiana)  la Campania.

 

“In questi mesi – continua – siamo stati dimenticati più e più volte: quando dalle piovevano DPI a pioggia, quando alcuni impresari si sono visti costretti a chiedere alla Protezione Civile vie preferenziali per l’approvvigionamento di mascherine, quando l’intera brancolava nel buio con un virus ancora sconosciuto e noi ne eravamo tutti i giorni a contatto. Non chiediamo di essere ringraziati, ma riconosciuti nel nostro tutelati”.

 

I dipendenti delle imprese funebri – ricorda Tammaro – sono ogni giorno a contatto con personale sanitario e a potenziale rischio contagio e famigliari di vittime Covid. Hanno a che fare con le salme dei defunti a causa del coronavirus e ne visitano gli ambienti. “Se ciò non ci rende categoria a rischio – spiega Tammaro – non sappiamo cosa altro. Chiediamo perciò che le nostre istanze siano ascoltate a Roma a livello centrale o che i Comuni in cui operiamo, Napoli in primis, si facciano portavoce di questa urgenza”.

No tags for this post.

Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.ilmezzogiorno.info/home/wp-includes/functions.php on line 4757

Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.ilmezzogiorno.info/home/wp-includes/functions.php on line 4757