Planium riveste le scale con l’eleganza del metallo

Planium riveste le scale con l’eleganza del – La scala è un elemento architettonico di comunicazione verticale…ma anche un’idea astratta che rimanda a simboli e significati.

Se consideriamo l’olandese Escher, che amava definirsi matematico più che artista, troviamo nelle sue litografie e xilografie progetti dedicati alle scale che contengono riferimenti astratti alle scienze, alle geometrie in particolare, oltre che alle applicazioni derivanti dagli studi sulla seziona aurea…

In un’architettura più funzionalista le scale sono protagoniste assolute di un contesto e lo caratterizzano al pari di pavimentazioni, rivestimenti e mobilio. Planium riveste scale in interni con i suoi metalli, giocando con i colori e con le molteplici possibilità che le sue texture rivelano, definendo così scenari diversi: dalla nota rossa del Rame alla sua egualmente calda lega, l’Ottone, per cromie “solari”, e a maggior ragione con gli Acciai, diversi tra loro ma accomunati dal fatto di avere una grande resistenza, così da poter rivestire le scale senza problematiche riguardanti l’usura. Acciai differenti quelli appartenenti alle collezioni di Planium, che li distingue a seconda dei trattamenti. Il classico Inox che rimanderà a un’ambientazione di carattere Industrial, sullo stile newyorkese del dopoguerra; il più elaborato Acciaio Goffrato, dal carattere ruvido e anche artistico, e acciai con cromie completamente differenti tra i quali la scura e ombrosa Calamina, ossido dell’Acciaio tra il Blu Avio e l’Antracite e ancora l’Acciaio Ossidato, dal fascinoso colore a metà tra i toni freddi e i caldi, bruno all’apparenza e contenente però sfumature di Grigio. Vi è poi un particolare Acciaio, il Cemento Inossidabile, che rinvigorisce un ambiente denotandolo di uno stile da officina, sui modelli degli anni Cinquanta e Sessanta del ’900 con brillanti luci argentate…

 

Planium riveste le scale con l’eleganza del metallo


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.ilmezzogiorno.info/home/wp-includes/functions.php on line 4757

Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.ilmezzogiorno.info/home/wp-includes/functions.php on line 4757