Lavorare per la felicità altrui a cura di Elia Fiorillo

“Lavorare per la felicità altrui”, dovrebbe essere il principio, lo scopo primario di chi sceglie d’impegnarsi nel sociale ed in politica. Troppo spesso però avviene l’incontrario. Si decide di lavorare per “gli altri” per puro calcolo, per passare dall’anonimato al primo e primissimo piano: “per farsi gli affari propri”. Certo, non bisogna generalizzare, come purtroppo avviene. Perché mettere tutti sullo stesso piano significa “aiutare” i lestofanti e penalizzare chi con spirito di servizio fa il suo difficile “mestiere”.

(altro…)

Leggi il seguito