“I proclami del M5S contro ilgioco d’azzardo sembrano solo un ricordo”


 L’appello di Agcai: “A rischio chiusura 5000 aziende costituite dai piccoli gestori con il licenziamento dioltre centomila lavoratori”

ROMA – “Anche questo governo in linea con il vecchio per quanto concerne l’azzardo. Proroga le concessioni  e rinvia la sostituzione delle slot di altri due anni. Le lobby hanno fatto arrivare le loro richieste a Palazzo Chigi che prontamente le ha accettate. Di Maio e Salvini non rispettano quello che loro stessi hanno firmato nel contratto di governo: l’eliminazione di videolottery e slot machine”.

Lo afferma Benedetto Palese, presidente di Agcai (Associazione Gestori e Costruttori Apparecchi da Intrattenimento).

Leggi il seguito

Giochi, “Il governo blocchi le multinazionale dell’azzardo”

  

L’appello dell’Associazione gestori di apparecchi da intrattenimento che ha promosso una manifestazione a Roma per mercoledì 7 novembre alle ore 11 in via Flavia nei pressi del ministero del Lavoro

 

ROMA – “Facciamo appello al governo affinché blocchi le multinazionali dell’azzardo che adesso mirano a sostituirsi a tutte le piccole e medie aziende di gestione di apparecchi di intrattenimento per locali pubblici, dopo essersi ‘impadronite’ di quasi tutte le concessionarie statali ”. Lo ha detto Benedetto Palese, presidente dell’Agcai (Associazione Gestori e Costruttori di Apparecchi da Intrattenimento) annunciando la manifestazione di mercoledì 7 novembre alle ore 11 in via Flavia nei pressi del ministero del Lavoro.

Leggi il seguito

Ludopatia: Agcai, M5S e Lega rispettino contratto governo

 

Palese: quando il gioco d’intrattenimento diventa azzardo bisogna fermarsi

Rostan (LeU): “Con 56.000 videolottery l’Italia é diventata la sala giochi piú grande del mondo”

Cantalamessa (Lega): “Fondamentale separare il gioco dall’azzardo”

 

Leggi il seguito