Fedagri Confcooperative Campania incontra Paolo De Castro

 

L’incontro tra Paolo De Castro e una delegazione della Fedagri Confcooperative Campania è stato l’occasione anche per riparlare della questione S. Marzano. Estendere al prodotto fresco la denominazione S. Marzano Dop è una strada percorribile.
“Ringraziamo l’onorevole Paolo De Castro per essersi reso disponibile ad incontrare una delegazione di Fedagri Confcooperative Campania. Il confronto, segno di una grande apertura e predisposizione al dialogo, ci fa ben sperare in un risvolto positivo su alcune questioni a noi care, tra tutte la possibilità di estendere al prodotto fresco la denominazione di pomodoro S. Marzano Dop. È una battaglia che in questo momento storico ci sta molto a cuore e che stiamo seguendo con attenzione e sulla quale non siamo disposti a cedere o ad arretrare, ne va della nostra economia, del futuro di un intero comparto.

Leggi il seguito

Caldo straordinario, Fedagri Campania: “Chiediamo lo stato di calamità”

Il caldo e gli incendi stanno mettendo a dura prova i raccolti e gli imprenditori agricoli. L’appello della Fedagri Confcooperative Campania alla Regione

 

“La tropicalizzazione del clima e le temperature eccessive stanno causando anomalie e danni ai nostri

Alfonso Di Massa
Alfonso Di Massa presidente Fedagri Confcooperative Campania

produttori. Il pomodoro è in fase avanzata di maturazione, la frutta di stagione e il mais sono soggetti a vere e proprie bruciature e i costi per l’energia e l’irrigazione aumentano a dismisura. Se l’anno scorso la pioggia ha ritardato la maturazione e il raccolto di frutta estiva e di ortaggi, quest’anno abbiamo il problema inverso. La terra soffre ed anche i nostri imprenditori agricoli. È per questo che chiediamo alla Regione Campania che venga dichiarato con urgenza lo stato di calamità, con lo stanziamento di risorse adeguate a supporto di quanti con fatica cercano di svolgere il proprio lavoro”.

Leggi il seguito

Da Expo, Fedagri Confcooperative Campania: “Un’ottima azione”

“Finalmente un segno concreto contro l’imitazione del meglio dell’agroalimentare italiano. Riteniamo che sostenere il made in Italy sia un’azione utilissima e necessaria per incrementare il nostro export, senza correre il rischio di vedere tra gli scaffali di Stati Uniti o Canada le imitazioni delle nostre eccellenze. Ringraziamo il ministro Martina per il lavoro svolto e per l’impegno che in queste ore si sta assumendo qui a Milano, in occasione di Expo”.

Leggi il seguito