8 marzo, a Napoli iniziativa LILT “Donne di Scampia”

8 marzo – Apertura antimeridiana dell’ambulatorio di prevenzione senologica gratuita
presso l’Istituto il Virgilio IV di via Labriola. E’ l’iniziativa “Donne di Scampia” organizzata dalla LILT di Napoli, guidata dal professor Adolfo Gallipoli D’Errico, per domani 8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della donna.

“Rilanciamo un tema centrale della battaglia contro le patologie oncologiche, la prevenzione primaria, – sottolinea il presidente della LILT di Napoli, Adolfo Gallipoli D’Errico – da un quartiere simbolo di Napoli che sta dimostrando una grande sensibilità culturale. Un dato particolarmente positivo, questo, reso possibile dall’impegno, davvero prezioso, delle sue istituzioni scolastiche e sportive”.

Leggi il seguito

Obiettivo futuro: professioni, politica e istituzioni a confronto per la tutela del cittadino

 

Il 1° dicembre si svolgerà l’appuntamento organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti a Pisa

 

Giunto alla sua XIV edizione, il Convegno Nazionale Obiettivo Futuro: Professioni, Politica e Istituzioni a confronto per la tutela del cittadino rappresenta uno spazio ideale per un dialogo a tutto campo sui temi che stanno a cuore a tutti i professionisti economici.

Con il patrocinio, tra gli altri, del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il convegno, i cui lavori si svolgeranno presso l’Auditorium Concorde dell’Hotel Galilei di Pisa, può contare su un programma nutrito e sulla presenza di relatori di primo piano.

Leggi il seguito

Fisco, la burocrazia costa ogni anno più di 46 miliardi di euro a imprese e professionisti

Il 14 dicembre a Roma manifestazione dei commercialisti italiani che annunceranno il primo sciopero

La burocrazia costa ogni anno a imprese e professionisti 46 miliardi e 464 milioni di euro, pari a due manovre finanziarie. I commercialisti si sono trovati in questi anni a confrontarsi con un ambiente sempre più ostile a causa della mancanza di tutele legali e dell’aumento della concorrenza da parte dei soggetti più disparati.

Puntano a fornire gli stessi servizi “abusivi” senza titoli, con percorsi formativi inadeguati, che non hanno mai sostenuto l’esame di Stato e privi di norme deontologiche. Al pari delle società di consulenza che hanno visto estendere il loro raggio di azione alle attività più diverse.

Leggi il seguito