Futuro dell’Europa: il Parlamento da la parola ai cittadini

[su_box title=”l’editoriale a cura di Nicola Rivieccio ” box_color=”#007dcc” radius=”5″] Il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani si rivolge al Parlamento dei cittadini sul futuro dell’Europa. Il Trattato di Roma, firmato sessant’anni fa, ha dato il via all’integrazione economica e a una pace duratura a un continente che conta oggi una popolazione di oltre 500 milioni di cittadini.[/su_box]

(altro…)

Leggi il seguito

Sicurezza. Esposito (COPASIR); il commissario sicurezza non è cittadino UE

Senatore Ap: “Da Juncker scelta saggia, ma dopo Brexit dovrebbe essere un cittadino Ue”.

“La Commissione europea si dota di un Commissario per la Sicurezza dell’UE.
Il Presidente Juncker ha annunciato l’intenzione di designare, incredibilmente, Sir Julian King, un inglese quale Commissario con portafoglio per la Sicurezza. Una task-force composta da esperti delle DG Home, DG Move, DG Connect and DG Energy  farà da supporto alle attività del designato Commissario. Nonostante la Brexit l’Ue apre nuovi rapporti con il Regno Unito anche attraverso la presenza di un proprio Commissario? La presenza di un Commissario Ue per la sicurezza comunque rappresenta una scelta saggia e dovrebbe consentire di dare sviluppo ed attuazione alle azioni individuate per la lotta al terrorismo e garantire la sicurezza dei cittadini europei, ma forse bisognava scegliere un cittadino della Ue a tutti gli effetti”. Lo ha dichiarato il vicepresidente del Copasir, Giuseppe Esposito, senatore di Area Popolare (Ncd – Udc).

Leggi il seguito

Brexit, Matera (Fl), regole da rivedere ma errore sottrarsi a progetto europeo

image

“Decidere di sottrarsi al progetto europeo e di far prevalere i particolarismi è un errore di cui ci si dovrà assumere ogni responsabilità e conseguenza politica”. Lo afferma l’onorevole Barbara Matera (FI) europarlamentare del PPE, per la quale “è evidente che l’Europa della burocrazia non piace a nessuno e che bisogna cambiare le regole e mettere al centro dell’impegno politico i cittadini europei, ma è altrettanto chiaro che lo si può fare solo partecipando da protagonisti ai processi di cambiamento”. “E su questo, – conclude – mi pare che l’unico che ci aveva visto giusto sin dall’inizio è stato il presidente Berlusconi”.

Leggi il seguito