Progetto EVA+: Enel e Aeroporto di Genova inaugurano la nuova colonnina di ricarica veloce

Progetto EVA+: Enel e Aeroporto di Genova – L’infrastruttura è tra le 180 colonnine che saranno posizionate sulle strade a lunga percorrenza; 
EVA+ è il progetto di mobilità elettrica, coordinato da Enel, a cui partecipano Verbund, Renault, Nissan, BMW e Volkswagen Group Italia (rappresentata dalle marche Volkswagen e Audi) e co-finanziato dalla Commissione Europea.

 


 

Strade sempre più accessibili alla mobilità elettrica a Genova. È stata inaugurata questa mattina la stazione di ricarica veloce Fast Recharge del progetto EVA+ installata da Enel presso il Parcheggio Quick PARKING dell’Aeroporto di Genova. L’infrastruttura è tra le 180 colonnine che saranno posizionate sulle strade a lunga percorrenza nell’ambito del progetto EVA+ – Electric Vehicles Arteries.

Leggi il seguito

Le opportunità di finanziamento europeo nel settore della salute

Il giorno venerdì 13 Ottobre si si terrà una giornata informativa rivolta alle opportunità di finanziamento europeo nel settore della salute.
L’incontro, è stato organizzato dal Centro Europe Direct Roma, ospitato dal Formez PA., allo scopo di far conoscere le opportunità europee nel settore della salute.

Leggi il seguito

Ortopedici; 29/09 convegno su infezioni osteoarticolari

“Occorre un efficace piano contro le resistenze antimicrobiche come richiesto dalla Commissione Europea che si è impegnata a dare supporto ai Paesi UE in questo delicatissimo compito, illustrando i risultati dei suoi studi e le ‘linee guida’ da seguire nel documento ‘A European One Health Action Plan against Antimicrobial Resistance (AMR)’.”

 

 

 

Leggi il seguito

Il rilancio di Bagnoli e del Mezzogiorno

A cura di Nicola Rivieccio
Per il rilancio di Bagnoli, a Napoli, “occorrono iniziative soft e hard”. E’ quanto ha affermato Ambrogio Prezioso, presidente dell’Unione degli Industriali di Napoli, in occasione del convegno “Le Vie dello sviluppo”, organizzato a Cittá della Scienza, nel quadro delle iniziative promosse per il centenario dell’associazione di categoria partenopea.
(altro…)
Leggi il seguito

Migranti; nuove misure da applicare con puntualità e rigore

“La Commissione europea ha deciso di sostenere finanziariamente i Paesi d’approdo dei migranti irregolari perché procedano ai rimpatri e alla reintegrazione nei paesi di origine e di sanzionare quelli che non effettuano i ricollocamenti: un passo importante nella direzione da noi sempre auspicata, un segnale politico che testimonia la volontà dell’Unione di imprimere una svolta sul fenomeno migratorio”. (altro…)

Leggi il seguito

Il “DON” del grano europeo è una sostanza dannosa

“L’Unione Europea importa dall’estero grano contenente deossinivalenolo (DON), una micotossina che crea seri problemi alla salute dell’uomo. Tra le conseguenze di un consumo eccessivo di DON ci sono il malfunzionamento del sistema ematopoietico, l’abbassamento delle difese immunitarie, la gluten sensitivity ed alcune malattie del sistema nervoso. E’ necessario abbassare considerevolmente la soglia di deossinivalenolo consentita per il grano destinato all’industria alimentare”.

(altro…)

Leggi il seguito

“Una minaccia per gli standard ambientali e sanitari europei e per i consumatori”

Malgrado tutti miei sforzi, la Commissione Envi ha dato il via libera all’accordo di libero scambio CETA. Come avevo annunciato il mio voto è stato contrario, rimango convinto che l’UE e il Canada abbiano approcci troppo diversi in tema di salute, ambiente e sicurezza alimentare.
(altro…)
Leggi il seguito

Terremoto, più di 2 milioni di abitazioni a rischio sismico in Campania

Solo un edificio su tre in Campania (per la precisione il 27%) è in regola con i criteri antisismici stabiliti dal D.M. 18 gennaio 2008, entrato in vigore nel 2009: un dato allarmante che colloca la nostra regione al 15° posto in Italia per numero di abitazioni.  Il 19% di tutti gli immobili “a rischio sismico” in Italia, si trova in Campania. Sono i dati di un’analisi compiuta dal Centro Studi ACS Salernoincrociando dati Cresme e di altre fonti. In particolare sono ad elevato rischio sismico 118.286 edifici residenziali e inutilizzati, 15.913 capannoni produttivi (il 91,8% del totale), 2.148.364 abitazioni e 784.478 edifici residenziali. (altro…)

Leggi il seguito