Trasporti, in Campania 46 milioni per la sicurezza sulla rete ferroviaria

Siglata dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio e dal Presidente della Regione Vincenzo De Luca, nella sede di Mit
presenti i governatori e gli assessori delle sette Regioni interessate – la convenzione per la realizzazione di interventi di messa in sicurezza delle reti ferroviarie regionali.

 

 

Il protocollo riguarda due linee ferroviarie della Campania: la Benevento-Cancello-Napoli (48 km); e la Piedimonte Matese-Santa Maria Capua Vetere-Napoli (41 km), per complessivi 46,6 milioni di euro. Gli interventi riguardano prevalentemente il sistema di protezione e controllo della marcia del treno, di supporto condotta, di protezione dei passaggi a livello.  La Campania entra nel primo blocco di finanziamenti destinati dal ministero alle Regioni italiane, tra le prime del Sud per tempestività di interventi e progettazioni. La convenzione rende operative le disponibilità di finanziamento.

Leggi il seguito

Terremoti, paese fragile, serve grande piano prevenzione

Secondo il ministro Delrio il belpaese si presenta fragile e urge un grande piano prevenzione.
Dal Dopoguerra in Italia spesi 245 miliardi in riparazioni


 

“Utilizzati e spesi 245 miliari di Euro dal Dopoguerra ad oggi in Italia per la riparazione di territori, città e paesi colpiti da dissesti idrogeologici e terremoti. Per questo è necessario che si “impari a prevenire”: per il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio serve un grande e serio piano di prevenzione.

Leggi il seguito

Delrio e Cantone al forum del commercialisti di Giugliano (na)

Emanuele Carandente, consigliere Odcec Napoli
Emanuele Carandente, consigliere Odcec Napoli


Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio e il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone interverranno lunedì 22 febbraio, alle ore 10, al forum “Nuovo codice concessioni e finanza di progetto: il ruolo dell’Anac e del commercialista” che si terrà presso l’Istituto G. Minzoni a Giugliano in Campania – Via Bartolo Longo, 17.

“Si è ritenuto indispensabile organizzare un incontro tra Governo, Anac, magistratura e professioni interessate per riflettere su alcune proposte – ha evidenziato Emmanuele Carandente, consigliere dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli – E’ importante rendere più snelli i procedimenti di aggiudicazione, garantire maggiore certezza ai tempi delle procedure, stimolare sistemi di qualificazione degli operatori economici basati anche su criteri qualitativi e su meccanismi di premialità”. (altro…)

Leggi il seguito

Delrio: “Il Paese è unito: l’Italia è forte se rimane unita”

Sono le parole del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, al termine delle celebrazione per il 219/o anniversario del Primo Tricolore a Reggio Emilia.
Celebrazioni cui prende parte, tra gli altri, la presidente della Camera, Laura Boldrini.

“La festa di oggi – ha argomentato Delrio – ci richiama a due concetti importantissimi che sono la patria e la Costituzione. Sono due valori fondamentali per la nostra comunità: con la bandiera nascono il concetto di patria e di Costituzione”. Il ministro ha poi concluso l’intervento affarmando: “è una bellissima festa per noi ed è un orgoglio essere qui a Reggio Emilia”

Leggi il seguito

Porto: Russo (Confcommercio) a Delrio, uscire da paralisi e superare fase commissariamento

NAPOLI – “L’imprenditoria napoletana guarda con profonda preoccupazione alla paralisi del Porto di Napoli indotta dalla vertenza tra la Conateco ed i lavoratori. Questa vicenda sta avendo effetti drammatici sull’economia complessiva dell’area napoletana: il traffico legato all’import-export è completamente paralizzato; gli operatori devono forzatamente spostare i loro traffici verso altri porti, pietro russocon il rischio che tale spostamento divenga definitivo; l’immagine e l’affidabilità del porto vengono ulteriormente compromesse, dopo le note vicende dei mancati escavi dei fondali e dei lavori mai partiti per il Grande Progetto Porto di Napoli”. Lo ha scritto Pietro Russo (nella foto), presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Napoli, in una lettera inviata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.
“Il Porto è la più grande azienda della città di Napoli e da esso dipende una buona fetta dell’economia provinciale. Il blocco del traffico container isola l’intera area dal resto del mondo e non potrà non avere effetti devastanti sulla tenuta di tante aziende e sull’occupazione, non solo dentro il porto ma soprattutto fuori, tra le centinaia di imprese per le quali esso è uno snodo vitale per i propri commerci”.
“All’indomani della diffusione dei drammatici dati Svimez sul ristagno dell’economia meridionale, e dato il perdurare della crisi nella nostra area dove non è dato percepire alcun segno di ripresa, è evidente – ha continuato Russo – che occorre evitare ad ogni costo di aggiungere altri fattori recessivi in un quadro così negativo. Occorre perciò intervenire immediatamente per sbloccare questa vertenza che sta avendo effetti a catena sull’intera economia, al di là del merito della vertenza stessa, in modo da far terminare l’attuale fase di emergenza”.
“Questi eventi – ha concluso il numero uno di Confcommercio Napoli – fanno emergere ancor più chiaramente la necessità di superare quanto prima l’attuale fase commissariale e pervenire ad una Governance stabile e duratura del Porto, in grado di avviare finalmente i dragaggi, la sistemazione delle banchine, la riqualificazione delle aree passeggeri e tutte quelle opere senza le quali il porto sarà condannato ad un inesorabile declino, trascinando con sé buona parte dell’economia dell’area napoletana”.

Leggi il seguito

Porto di Napoli, Marciano (PD): Sos a Delrio, indichi guida autorevole per rilancio

 

“Siamo all’ultimo sos per il Porto di Napoli: il Ministro Delrio indichi al più presto una guida stabile, competente e autorevole e metta fine alla stagione dei commissariamenti e allo stallo decisionale sul principale scalo del Mediterraneo”.

 

Lo dichiara il vicecapogruppo regionale del Partito Democratico, Antonio Marciano.

“Mancano due giorni alla scadenza del mandato del commissario Francesco Karrer, ma regna ancora un’incertezza che non fa bene allo scalo di Napoli che, come certificato da tutti gli indicatori economici, ha perso negli ultimi anni competitività e attrattività, a causa innanzitutto della responsabilità politica di chi, a Roma ma soprattutto in Campania, doveva decidere e non lo ha fatto nei tempi giusti, con la doverosa serietà e il necessario accordo tra livelli istituzionali diversi”, aggiunge il consigliere.

Leggi il seguito