Industria 4.0: da oggi a Berlino il B20, il G20 delle imprese

Tra i rappresentanti italiani il fondatore di Protom Fabio De Felice. L’imprenditore napoletano è anche uno dei principali esperti italiani di digitalizzazione delle imprese ed è docente universitario di ingegneria degli impianti industriali (altro…)

Leggi il seguito

Daniele (Pd): “Dichiarazioni D’Anna su Saviano inaccettabili: il Pd non abbassi la guardia sulla camorra”

 

“Le dichiarazioni di ieri del senatore D’Anna contro Saviano si aggiungono all’attacco che Verdini nei giorni scorsi ha portato alla senatrice Capacchione e rappresentano un’immagine degradante della politica attuale. Dobbiamo ancora una volta registrare quanto i valori e le idee del senatore D’Anna siano distanti dal nostro modo di pensare ed agire la politica.”

Leggi il seguito

Posca, i commercialisti italiani hanno il più grande patrimonio di informazioni aziendali del mondo

NAPOLI – “Il mercato europeo dei Big Data  vale 200 miliardi di euro. I commercialisti italiani considerati nel loro insieme posseggono il più grande patrimonio informativo contabile/fiscale/finanziario del mondo” Lo ha detto oggi a Napoli Domenico Posca, presidente dell’Unione Italiana Commercialisti presentando il congresso nazionale “Commercialista 2.0. Innoviamo la professione, innoviamo il paese” che si terrà giovedì 28 aprile 2016 dalle ore 9,30 a Roma Eventi Piazza di Spagna.
“Mettendo insieme i dati fiscali, societari, finanziari e previdenziali dei clienti in possesso dei commercialisti, in formato digitale  – ha aggiunto Posca .- parliamo di numeri impressionanti. 500 milioni di dichiarazioni fiscali (anni 2005-2015), 40 milioni di bilanci ( anni 2005 – 2015 ) dei 4 milioni (su 4,8 milioni totali ) di imprese iscritte, 60 milioni di conti bancari (2005 – 2015) limitatamente alle Pmi, 600 mila giudizi tributari pendenti. Si tratta di almeno 100 petabyte di dati (100 milioni di gigabyte). Questa enorme mole di dati – osserva il numero uno dell’ Un.i.co. – a disposizione della rete dei commercialisti, pur nel rispetto delle esigenze di riservatezza, rappresenta uno straordinario patrimonio informativo economico-finanziario da mettere a frutto attraverso le tecniche di big data analytics nei diversi ambiti della professione: finanza, fisco, controllo di gestione, revisione, giudiziario. Degli investimenti negli strumenti  di “advanced analytics” (come i sistemi di machine learning e di text mining, l’analisi semantica e Ie reti neuralio), solo iI 17% della spesa va ai Big Data e sono presenti solo in un terzo delle organizzazioni”.

Leggi il seguito