Cnpi: “la Pa consideri che la legge 89 del 2016 ha collocato definitivamente la nostra categoria tra quelle dei tecnici laureati”


La categoria dei periti industriali deve essere annoverata tra quelle che fanno parte degli ordini dei laureati triennali. In tutte le sedi e a tutti i livelli. L’appello verso una maggiore chiarezza arriva con forza da Giovanni Esposito, Consigliere Segretario del Cnpi, il Consiglio Nazionale dei peri Industriali, alla luce delle continue segnalazioni da parte degli Ordini territoriali relative all’esclusione della categoria dei Periti Industriali – spesso a causa del titolo formativo – dall’affidamento di incarichi di progettazione, direzione lavori e verifiche di opere pubbliche.

Leggi il seguito

Infezioni ospedaliere, in Italia 7mila morti l’anno

 

500mila a rischio, boom di richieste di risarcimenti. E’ necessaria una efficace e tempestiva decontaminazione

 

NAPOLI – “Infezioni nelle strutture sanitarie, la necessaria decontaminazione. Qual è la situazione in Italia?” è il tema del forum nazionale che si terrà a Napoli domani alle ore 17 presso lo “Star Hotels Terminus” Napoli (piazza Garibaldi, 91) promosso dal Centro Studi Mediterranea Europa.

L’argomento affrontato è di grande attualità: le infezioni ospedaliere, stima l’Istituto Superiore di Sanità, mietono tra le 4500 e le 7000 vittime l’anno, contro le 3500 della strada. E sono oltre mezzo milione i pazienti che ogni anno si ricoverano per curare una cosa e si trovano a dover fronteggiare un’altra malattia presa proprio in ospedale. In pratica tra il 5 e l’8 per cento degli assistiti è vittima di un’infezione ospedaliera.

Leggi il seguito

Casero: “Con la riforma della legge fallimentare verrà anticipata la crisi d’impresa”

 

Lo ha detto il viceministro dell’Economia intervenendo al forum promosso dai commercialisti partenopei

Ferrara (Tribunale Napoli): in tre anni calo delle procedure pendenti: oggi 600 in meno

 

NAPOLI – “In materia di fallimento è stata fatta una importante riforma che troverà applicazione nelle prossime settimane e che si basa su due pilastri.

Il primo è l’inserimento delle misure di allerta nell’ordinamento italiano, un’operazione che si cercava di fare da tempo e che considera l’intervento della procedura concorsuale come un evento normale che si sviluppa al momento della crisi.

Leggi il seguito