La Suzuki Rally Cup al penultimo atto

La 37° edizione del Rally Internazionale San Martino di Castrozza e Primiero è il quinto round del monomarca di Suzuki Italia;
Duello serrato per il titolo tra il portacolori della Meteco Corse, Giorgio Cogni, e il pilota della Movisport Simone Rivia.

 

 

Saranno il piacentino Giorgio Cogni e il parmense Simone Rivia a giocarsi buona parte delle chance di affermazione nella decima edizione della Suzuki Rally Cup, all’imminente Rally di San Martino di Castrozza. La penultima tappa della seria monomarca delle Suzuki Swift Sport 1600 R1B, gommate Michelin, non assegnerà ancora il titolo, ma darà indicazioni su chi tra i due contendenti avrà maggiori possibilità di vittoria.

Leggi il seguito

Stelle e Stellati all’hotel La Madonnina di Ischia per il primo Festival della Cucina Partenopea

 

Dal 12 al 14 maggio incontri ed eventi per celebrare la tradizione attraverso la modernità Show cooking dello Chef Nino Di Costanzo Madrina della kermesse: Maria Mazza (altro…)

Leggi il seguito

Miele (commercialisti): il rendiconto finanziario diventa obbligatorio per le aziende

AVERSA – “Le aziende devono provvedere anche alla redazione del rendiconto finanziario a partire dai bilanci 2016, come indica il decreto legislativo di recepimento della direttiva comunitaria competente”. Lo ha detto Bruno Miele, vicepresidente dell’Ordine dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli Nord in apertura del forum promosso oggi ad Aversa.
“Sono escluse – ha aggiunto Miele – tutte le società ammesse alla redazione del bilancio in forma abbreviata e quelle cui si applicherà la disciplina dedicata alle micro-imprese”.
“Il rendiconto finanziario entra a pieno titolo in quello che è il bilancio d’esercizio delle aziende, dei documenti del bilancio – ha sottolineato Antonio Carboni, consigliere delegato alla ragioneria applicata dell’Odcec  Napoli Nord -. È un documento particolarmente importante per le aziende, perché consente la valutazione del merito creditizio”.
Secondo Vincenzo Natale, consigliere delegato dei commercialisti di Napoli Nord “questo nuovo strumento di lavoro deve rappresentare anche un’opportunità di lavoro alla luce della rinnovata disponibilità da parte degli istituti bancari nei confronti delle Pmi per l’accesso al credito soprattutto nell’ottica del principio della chiarezza, di correttezza che ci viene a che ci viene imposto non solo dal legislatore italiano ma anche dalla normativa europea”.
Nel corso del convegno Enrico Auriemma, presidente della Commissione Ragionieria Applicata ha osservato che “la modifica dell’articolo 24 e 25 del Codice Civile ha introdotto un nuovo elemento che deve essere inserito all’interno della stesura dei vari documenti contabili da presentare presso i vari enti tra cui la Camera di Commercio e gli istituti di credito finanziari. Questo rendiconto va a rappresentare proprio la formazione dell’aspetto finanziario e quindi tutte le problematiche connesse alla redditività, gli investimenti e alla liquidità. Tutto ciò permetterà agli organi di controllo interni ed esterni alle società di verificare la solidità finanziaria e liquidità di un’impresa”.
All’incontro, moderato da Mariano Vanacore, sono intervenuti Raffaele Marcello, consigliere nazionale dei commercialisti italiani che ha parlato dei nuovi obblighi civilistici, Fortunato Piccirillo, vicepresidente della Commissione ragionieria applicata che ha illustrato un “case study” e Biagio Riccardo che ha evdenziato il collegamento del rendiconto finanziario con gli indici di bilancio e valutazione creditizia.

Leggi il seguito

Primarie PD, Fortunato: “vince un condannato? meglio, si profila campagna garantista”

“Immaginiamo quale bufera si sarebbe scatenata se a vincere eventuali primarie del centrodestra fosse stato un condannato in primo grado, non eleggibile. Apriti cielo”  Lo afferma il consigliere regionale Giovanni Fortunato per il quale “sarà ora interessante capire come si regolerà il Pd: candiderà il suo esponente non eleggibile?”.

“Per noi – aggiunge Fortunato-  nulla quaestio, vorrà dire che avremo una bella campagna elettorale finalmente garantista”.

“Do per scontata la vittoria del presidente Caldoro e pertanto il mio auspicio – conclude Fortunato – è che De Luca, almeno questa volta, resti in Consiglio regionale a fare opposizione senza tradire nuovamente il mandato elettorale”.

Leggi il seguito

Campania, Fortunato: “bene richiesta rimozione funzionari soprintendenza Salerno”

“Centinaia di alloggi realizzati nella frazione di Policastro Bussentino del Comune di Santa Marina (Sa), case costruite con grande sacrificio da cittadini spesso emigranti, immobili che da un giorno all’altro la Soprintendenza dei Beni Ambientali e Paesaggistici di Salerno aveva dichiarato abusivi, non potranno essere demoliti: dopo oltre due anni di durissime battaglie combattute a suon di carta bollata, il Consiglio di Stato ha dichiarato infondati i provvedimenti emessi dalla Soprintendenza che peraltro aveva anche bloccato tutti gli sforzi profusi dall’amministrazione comunale per la riqualificazione e la messa in sicurezza del territorio”.

Leggi il seguito

Regione Campania – Sanità, Fortunato: “ma il PD ci è o ci fa?”

“Il governo Caldoro azzera i debiti della sanità ereditati dagli amici di partito dell’onorevole Picierno e innalza i livelli essenziali di assistenza. E il Pd che fa? Per voce della stessa Picierno dice che non è vero e che è stata cancellata la Sanità in Campania.

Poi, una volta esaurito il budget delle strutture accreditate, il cui tetto è stato imposto con legge del governo di centrosinistra, il Pd che fa? Tacendo che è appunto colpa del governo che mette paletti improponibili e non modifica le norme, sostiene che è tutta colpa dei tagli del governo Caldoro. A questo punto, vista tanta ciucciagine o malafede e volendo parafrasare il buon vecchio Antonio Lubrano di ‘Mi manda RaiTre’, la domanda sorge spontanea: ma il Pd ci è o ci fa?”.

Leggi il seguito

SANITÀ, FORTUNATO: “SINGOLARI ASSENZE PD A VISITA OSPEDALE POLLA”

“Quando si tratta, come è accaduto nel passato, di determinare disastri nella sanità come in tantissimi altri comparti della cosa pubblica, il Pd c’è sempre stato, non è mai mancato. Quando si tratta di porvi rimedio riesce invece a trovare sempre un buon motivo, a proprio dire, per sfilarsi”.

Leggi il seguito