LILT show cooking all’alberghiero Ferraioli di Napoli

LILT – Il 35% delle patologie oncologiche è legato ad una errata alimentazione.
Ma la salute non si conquista soltanto a tavola, prima c’è la cucina o, meglio ancora, l’arte culinaria. E’ questa la filosofia di fondo dello “Show cooking”, evento della Settimana nazionale della Prevenzione organizzata oggi dalla LILT di Napoli guidata dal professor Adolfo Gallipoli D’Errico presso l’Istituto alberghiero di Napoli “A. Esposito Ferraioli” diretto dalla preside Rita Pagano.

Leggi il seguito

8 marzo, a Napoli iniziativa LILT “Donne di Scampia”

8 marzo – Apertura antimeridiana dell’ambulatorio di prevenzione senologica gratuita
presso l’Istituto il Virgilio IV di via Labriola. E’ l’iniziativa “Donne di Scampia” organizzata dalla LILT di Napoli, guidata dal professor Adolfo Gallipoli D’Errico, per domani 8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della donna.

“Rilanciamo un tema centrale della battaglia contro le patologie oncologiche, la prevenzione primaria, – sottolinea il presidente della LILT di Napoli, Adolfo Gallipoli D’Errico – da un quartiere simbolo di Napoli che sta dimostrando una grande sensibilità culturale. Un dato particolarmente positivo, questo, reso possibile dall’impegno, davvero prezioso, delle sue istituzioni scolastiche e sportive”.

Leggi il seguito

Solidarietà; LILT Napoli con i piccoli degenti dell’oncologia pediatrica “L. Vanvitelli”

In Campania 150 nuovi casi l’anno ma non vi sono sostanziali differenze geografiche

In Italia, ogni anno, sono circa 1.500 i nuovi casi di tumori pediatrici nella fascia d’età 0-14 anni, mentre sono circa 850 quelli rilevati in quella 15-19 anni. In Campania, nella fascia d’età 0-14 anni sono attesi circa 150 nuovi casi all’anno. Da rilevare che, per quanto riguarda la distribuzione, non vi sono sostanziali differenze geografiche. Le Leucemie acute ed i Linfomi di Hodgkin e non Hodgkin rappresentano circa il 50% di tutte le neoplasie. I Tumori del Sistema Nervoso centrale rappresentano la patologia più frequente dopo le leucemie acute.

Leggi il seguito