La cultura può salvare l’alto casertano

Cultura – “C’è una visone strategica che potrebbe salvare il rilancio del nostro territorio. Promuovere interventi integrati capaci di parlare non più al recupero e alla valorizzazione di un sito culturale, ma al rilancio di un distratto culturale che tiene insieme turismo, sviluppo, paesaggio, trasporti, giovani, lavoro, partecipazione e fa lavorare in sinergia tutti i Comuni di un’area fuori da ogni campanilismo. Un’esperienza che abbiamo sperimentato nel distretto UNESCO che va da Portici a Castellammare di Stabia e che si può ripetere per l’Alto Casertano”.
Lo dichiara Luigi Gallo, deputato del Movimento 5 Stelle e componente della Commissione Cultura della Camera, che ha accompagnato una delegazione di portavoce e attivisti M5S alla scoperta dei siti culturali e turistici dell’alto casertano.

Leggi il seguito

Scuola; il Miur ignora i disabili

“La scuola è iniziata ma non per tutti.”
“Migliaia di ragazzi disabili in tutta Italia sono sprovvisti di insegnante di sostegno e i fondi messi a disposizione dal Miur saranno un ennesimo e inutile spreco di denaro.”

 

Sono le parole dell’On Luigi Gallo del Movimento 5 Stelle, che poi aggiunge: “Per la ministra Fedeli va bene il sostegno ‘fai da te’ visti i numeri ridicoli della distribuzione territoriale relativa all’accesso al TFA per il sostegno: degli oltre 9mila posti disponibili, il Miur ne assegna soltanto 800 alla Campania e in Piemonte sono stati banditi solo 200 posti a fronte delle 1240 cattedre disponibili. E’ un dato di fatto, allora, che si accetta come mille bambini e ragazzi non avranno un insegnante di sostegno ma un docente non specializzato. I numeri sul fabbisogno sono pubblici e non lasciano scampo a equivoci”.

Leggi il seguito

Sospetta parentopoli vigili a Torre del Greco. La denuncia M5S

“Non abbiamo nessuna intenzione di gettare la spugna di fronte a una vicenda opaca e scandalosa.”
 “Il caso di ‘parentopoli’ sollevato nell’ambito del concorso per l’assunzione di 13 vigili urbani a Torre del Greco è più che un sospetto, come denunciato più volte anche dalla stampa locale. Eppure la classe dirigente cittadina non si è degnata di aprire bocca su quanto stava succedendo in Comune”.

 

 

Leggi il seguito