Una parte del ricavato donato alle popolazioni terremotate. Così il DiVin Castagne 2016:

I prodotti del territorio fanno bene… in tutti i sensi!
E’ terminata lunedì 31 ottobre la sesta edizione del “DiVin Castagne”, la festa che per quattro giorni ha animato il centro di S. Antonio Abate tra buon cibo, musica e show cooking. Grande affluenza di visitatori nelle quattro serate della manifestazione, tutti accorsi per degustare i tanti piatti fatti con ingredienti dell’antica tradizione culinaria campana.  A fine manifestazione gli organizzatori hanno comunicato che parte del ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficienza per alleviare i disagi che le famiglie di Amatrice e zone limitrofe colpite dal terremoto stanno vivendo.

(altro…)

Leggi il seguito

Federartmoda, bene l’apertura di Miss Italia alle donne “curvy”

“La bellezza deve prescindere dagli stereotipi e dai pregiudizi: al contrario deve configurarsi come sinonimo di benessere, salute, equilibrio. In tal senso FederArtModa Italia esprime il più sincero apprezzamento nei confronti di Patrizia Mirigliani (nella foto), di Simona Ventura e di tutta Patrizia-Mirigliani1l’organizzazione di Miss Italia 2015 per l’innovativa decisione di aprire il concorso alle donne cosiddette ‘curvy’. Lo ha detto Emiliano Paolini, numero uno di FederArtModa. “Questa decisione rompe gli steccati ideologici e antimoderni della magrezza come simbolo esclusivo della bellezza, – ha aggiunto Paolini – fornendo un contributo fondamentale alla crescita culturale dell’intero Paese, troppo spesso pervaso da messaggi fuorvianti e pericolosi, che vengono assunti e recepiti da molti adolescenti, ragazze e ragazzi, come imperativi imprescindibili di vita per piacersi e farsi piacere. Le sfilate, che in questi giorni si stanno tenendo a New York, rendono evidente come la donna ‘curvy’ possa avere le stesse possibilità di rappresentare la bellezza, al pari di una taglia 40. FederArtModa si augura ed auspica che anche questa edizione di Miss Italia – ha concluso Paolini – possa configurarsi come un’occasione per raccontare e celebrare la bellezza in modo sano e responsabile, al di là del singolo concorso per la vittoria finale che era e resta un appuntamento irrinunciabile per milioni di italiani”.

Leggi il seguito