La terza Repubblica e il governo del cambiamento di Elia Fiorillo

La terza Repubblica e il governo del cambiamento di Elia Fiorillo
E alla fine la terza Repubblica, con il governo del cambiamento, è nata. Lega e M5Stelle, tra la voglia di tornare al voto e preoccupazioni varie per la mancata occupazione di Palazzo Chigi, ha prevalso l’opportunità-necessità di andare a governare. Fino all’ultimo Salvini ci ha provato a ritornare alle urne, convinto com’era che il momento era dei più propizi per la sua Lega. Altro che il 17 per cento e il sorpasso sul Cavaliere. Lui, il Matteo ex padano, era sicuro di poter “scassare” ben altri tabù elettorali, con una sinistra divisa in tanti rivoletti, sempre pronta a litigare per i motivi più futili.  (altro…)

Leggi il seguito

Salvini e Di Maio, un possibile accordo di governo?

Salvini e Di Maio, un possibile accordo di governo?
di Elia Fiorillo
Il dialogo “formale” con i 5Stelle pareva possibile, almeno quello. Il reggente e mediatore del Pd, Maurizio Martina, pensava di essere riuscito a portarlo a casa. Un inizio per provare ad arrivare a prospettive più concrete. Matteo Renzi però è rimasto sulle sue posizioni: “niet” e basta.  Il rischio serio di tornare alle urne non spaventa l’ex segretario del Pd. È quasi sicuro, in caso di ritorno al voto,  di conservare intatto il suo patrimonio elettorale, e questo gli basta. C’è chi ha ipotizzato la sua fuoruscita dal partito per fondarne uno suo. Ci avrà pure pensato l’ex presidente del Consiglio, ma un’operazione del genere l’avrebbe fatto passare per uno scissionista inveterato. Uno che non unisce ma che spacca sempre e comunque. Meglio aspettare gli eventi… (altro…)

Leggi il seguito

Politica, il “grande gioco” per non tornare al voto 

a cura di Elia Fiorillo –
Politica – Finiti i lampi, i tuoni, i fulmini e le saette dei partiti dopo i risultati elettorali del 4 marzo, il tempo “politico” si rasserena un po’. Niente bel tempo. Rimane una nebbiolina avvolgente che tutto ricopre e che non fa capire come andrà a finire, se ci sarà un governo per l’Italia o si tornerà più o meno presto al voto. Ogni tanto spunta un raggio di sole che fende la nebbia, si comprende qualche cosa, meglio s’intuisce, poi però tutto ritorna allo stato di partenza.

 

Leggi il seguito