Beni sequestrati, Maresca: “Sistema non funziona, fallisce il 90% delle aziende”

Lo ha detto il pm della Dda al forum dei commercialisti

Moretta: “Necessarie sinergia tra le parti e procedure più snelle”

 

NAPOLI – “Il testo unico della normativa antimafia si pone lo scopo di non far diventare un non valore il bene sequestrato ai malavitosi e acquisito dallo Stato. Purtroppo ad oggi una serie di disfunzioni procedurali fa sì che questi beni sequestrati perdano di valore: il 90 per cento delle aziende sequestrate fallisce, significa che il sistema non funziona. Bisognerà lavorare tanto, la strada intrapresa è poco coraggiosa, il legislatore ha perso più volte l’occasione di riformare questo sistema. Per me la strada privilegiata resta la vendita del bene, trovando al tempo stesso dei modi di reimpiego per le attività che hanno un valore sociale”. Lo ha detto Catello Maresca, Sostituto procuratore della Repubblica di Napoli, aprendo il convegno “Custodia e amministrazione giudiziaria”, che ha chiuso il corso organizzato dall’Ordine partenopeo sul tema.

Leggi il seguito

Fisco, nuove modifiche per le società sportive

Mercoledì 7 febbraio focus all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli

 

NAPOLI – “Il mondo dello sport sta cambiando rapidamente e si sta adeguando alle nuove modifiche di carattere fiscale. Per questo motivo i professionisti sono in prima linea per offrire un contributo sia da un punto di vista teorico che pratico ad affrontare tutto ciò che riguarda sport e professioni”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli, presentando il convegno “Novità fiscali, sistema di controllo e vigilanza nel settore sportivo”, in programma presso la sede dell’Odcec di Napoli (Piazza dei Martiri 30) mercoledì 7 febbraio alle ore 9.00.

Leggi il seguito

Giustizia; Ceppaluni (Gip): professionisti “vitali” per amministrazione giudiziaria

 

Moretta: pronti a dare il nostro contributo formando figure specializzate

 

NAPOLI – “Come magistrati abbiamo un bisogno vitale di professionisti che abbiano competenze approfondite. La figura dell’amministratore giudiziario la definisco una sorta di “Superman”, chiediamo competenze estese in ogni ramo del diritto e nel contempo abbiamo bisogno di persone oneste che abbiano capacità di rapportarsi. L’obiettivo che ci poniamo è garantire trasparenza assoluta nel conferimento degli incarichi e di chiarezza nei criteri di liquidazione dei compensi”. Lo ha detto Giovanna Ceppaluni, presidente della Sezione Gip (Giudici per le indagini preliminari) del Tribunale di Napoli, nel corso del forum “Custodia e amministrazione giudiziaria”, organizzato dall’Odcec Napoli.

Leggi il seguito