Napoli, VIII municipalità contro il sito di compostaggio di Scampia

Dalla parte arancione e contro la popolazione Si torna a parlare ed enfatizzare sul costruendo sito di compostaggio di Scampia, per il quale l’VIII Municipalità si è mobilitata al fine di scongiurare l’ennesimo scempio in un’area già degradata da abbandono istituzionale e disservizi. Torna l’enfasi mediatica sul costruendo sito che dovrebbe trattare 30mila tonnellate di rifiuti con l’incognita del compostaggio o della centrale elettrica a biogas. Intanto però ingegneri ed ambientalisti, anche a seguito delle denunce del presidente della municipalità  Avv Angelo Pisani oggi  si interrogano sui piani del Comune di Napoli, anche in considerazione di non pochi punti oscuri nella realizzazioni di quest’opera per la quale la gente dell’area a nord di Napoli già si è espressa sfavorevolmente. Ma resta in campo a capo dell’opposizione a operazioni non democratiche la Municipalità con il presidente Angelo Pisani che ribadisce: “Non siamo la discarica di nessuno, men che meno quella di Tommaso Sodano. Il nostro territorio ha già dato, e le ferite ancora sono aperte”. Poi l’avvocato Pisani ha continuato: “l’amministrazione de Magistris ha promesso riqualificazione, e adesso che fanno? Ci affogano nei rifiuti. Non è bastato il bluff della differenziata? Serviva creare un sito per imbustarci tutti e mandarci all’inceneritore”. Pisani ha poi rimarcato: “Invece di pensare di poterci rinchiudere nel recinto di un sito di monnezza, perché non fanno qualcosa per riqualificare l’area a nord di Napoli? Il vero giardino della città è a Scampia, il suo polmone verde. Forse perché a Scampia non abbiamo il mare?. Mettereme in campo ogni forma di lotta democratica  per questa scellerata decisione di completare l’avvelenamento di una terra giá zeppa di veleni”. Il presidente Pisani ha poi concluso: “ A fronte di tutto ciò, con gli altri sindaci del territorio associazioni , abbiamo deciso di fissare il prossimo 19 novembre alle ore 18 presso il Comune di Melito,  un consiglio straordinario congiunto con il Comune di Napoli, Melito e Mugnano per discutere del sito di compostaggio e delle posizioni in tal senso di sindaco e vice sindaco di Napoli. All’ordine del giorno vi saranno non solo il sito di Scampia, ma anche l’inquinamento ambientale e la tutela della salute pubblica”.

Leggi il seguito