L’alto casertano cala il Poker di sapori

 

Caciocavallo del Re, Oliva Schiacciata Caiazzana, Salagrello e Tartufo sono i
“Fantastici 4 protagonisti a tavola

L’Alto Casertano cala il suo poker e lo fa nel più gustoso dei modi: affidandosi a prodotti in grado di coniugare alla perfezione tradizione e tipicità. Ecco perché le del territorio si sposano dando vita ai “Fantastici 4”. Tutti insieme per annunciare una estate all’insegna del sapore ricchi e ricercati al tempo stesso.
Delizie alto casertanoEccoli in rassegna. Caciocavallo del Re, Olive schiacciate Caiazzane, il Salagrello di casa Perol e l’inconfondibile Tartufo del Matese.
Un progetto fortemente voluto dalle Associazioni “Patto per l’Alto Casertano” e “Saperi e Sapori della ” in collaborazione con la sezione Tartufo della Micologica del Matese.
Per studiare al meglio il matrimonio di sapori si sono avvalsi del prezioso apporto dello chef Stefano De Matteo che nelle cucine del ristorante “Il Generale” di Caiazzo ha preparato ed impiattato il prodotto finale.
Il Salagrello di casa PeRoL Carni è arricchito con il Caciocavallo del Re, leggermente fuso ed adagiato sulla carne già passata sulla piastra. Il tartufo grattugiato ha completato l’opera. Il tutto circondato dalle olive schiacciate caiazzane.
Presenti al panel test i medici veterinari Michelangelo Castelbuono, Vincenzo D’Andrea e Marco Negri. I produttori Tommaso Mastroianni, Domenico e Luigi Rossetti e il professore Vincenzo Peretti della Federico II di Napoli.
Questi i fortunati presenti al battesimo di un prodotto innovativo che sicuramente raccoglierà importanti consensi nell’estate appena iniziata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.ilmezzogiorno.info/home/wp-includes/functions.php on line 4757

Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.ilmezzogiorno.info/home/wp-includes/functions.php on line 4757