Disponibile da oggi su Youtube il videoclip di “Ce credo ancora“, il secondo singolo degli Aftersat prodotto da Massimo De Vita: il leader dei Blindur, infatti, ha contribuito a una svolta più d’impatto da parte della band napoletana, alla stregua di Produzioni Dal Bunker che li ha affiancati nella realizzazione del video diretto da Serena Petricelli.

Ciò che emerge con forza dalla pellicola è il legame del gruppo con la terra d’origine, rappresentato qui dalla simbiosi con la natura, dall’edera che s’impossessa quasi del tutto degli strumenti presenti: dettagli del quotidiano come libri, dipinti, fotografie suggeriscono allo spettatore il calore e la protezione domestici, rimandando all’idea di un accogliente salotto boschivo.

Nato nel 2017 dall’incontro di cinque ragazzi della provincia partenopea – ciascuno col proprio background artistico –, il progetto ha l’ambizione di ricercare un linguaggio musicale nuovo, traendo spunto dalla tradizione folk campana e coniugandola a delle sonorità e armonie più contemporanee, che guardano sia al Nord Europa sia al bacino del Mediterraneo. Le influenze sono tra le più disparate: partendo dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, passando per i Musicanova, fino ad arrivare all’attuale Enzo Avitabile, o a Savana Funk, I Hate My Village e alla musica tuareg; il tutto senza perdere di vista la scena degli Anni Novanta di Seattle e l’indie d’oltralpe.

Si inserisce a pieno in questa cornice “Ce credo ancora“, brano struggente sul senso di perdita e sulla separazione in ogni sua forma: una relazione finita ma per la quale non ci si rassegna? La perdita o mancanza di una figlia? Un lutto o una malattia? Magari è la separazione dalle proprie origini, quel qualcosa che si ricerca affannosamente altrove, e che apparteneva solo alla terra di provenienza: un qualcosa che è andato perduto, scomparso.

Dicono gli Aftersat di “Ce credo ancora”:

«Siamo emozionati all’idea che finalmente il lato B della produzione con Massimo De Vita possa vedere la luce. Il nuovo brano, insieme alla precedente uscita “Terra c’accide”, rappresenta una svolta sonora più moderna che sentivamo di dover sottoporre al pubblico, senza snaturare il nostro stile. Speriamo che verrà accolta come tale!»

SEGUI AFTERSAT SU:

Facebook

Instagram

Spotify

Youtube

Credits video – Ce credo ancora

Regia, riprese e montaggio: Serena Petricelli
Aiuto regia: Domenico Lettera
Make-up: Martina Papaccio
Produzione di Produzioni Dal Bunker

Credits brano

Testo e musica di AFTERSAT
Prodotto da Massimo De Vita
Registrato da Massimo De Vita e Luca Stefanelli
Mix e mastering di Paolo Alberta
Registrato a Le Nuvole Studio di Cardito

Gli Aftersat sono:

Alessia Torinelli – ukulele, chitarra acustica, voce

Salvatore Pone – chitarra acustica, voce

Mirko Di Bello – batteria

Giuseppe Passeri – basso

Davide Correra – chitarra elettrica

BIO

Il progetto AFTERSAT nasce nel 2017 dall’incontro di cinque ragazzi della provincia napoletana, con differenti influenze musicali. La loro disparità anagrafica non gli impedisce di mettere in piedi una band con un repertorio di cover e brani inediti rigorosamente in inglese, raccolti poi in una prima pubblicazione con l’EP omonimo “AFTERSAT”.

Da qui i live nei locali, per strada e nelle piazze tanto da arricchire il proprio sound di musica popolare e folk dei quartieri. Diverse sono le partecipazioni a contest nazionali importanti come il “Pozzuoli Jazz Festival” e lo “Sponz Fest” fino al “Lennon Festival”, festival in provincia di Catania, dove si aggiudicano il premio Dcave records e, quindi, la registrazione di un EP nello storico The Cave Studio. La direzione del loro percorso musicale cambia sotto la guida artistica di Daniele Grasso, che porterà alla band nuova linfa vitale, consapevolezza e maturità. L’EP “INTOSOLE” è quindi il segno evidente di una nuova fase artistica.

La band, vincitrice del premio WEB, ha partecipato al contest “Voci per la libertà” per Amnesty International nel 2021, arrivando in finale, col brano Sanpapiè: dedicato a coloro i quali ricercano una speranza, un conforto in una nuova terra e accoglienza dalle mani di ognuno di noi.
Ha partecipato poi al “Songwriters Contest” di Pomigliano, arrivando come seconda classificata e vincendo il premio di Miglior Performance.

Nel 2022 inoltre vince la 19esima edizione de “L’isola che non c’era”, aggiudicandosi il premio di promozione del NUOVO IMAIE, consistente nella promozione di un tour, e il premio di Miglior Performance in occasione del “Premio Città di Leonforte”, in provincia di Enna.

La band si aggiudica anche il primo premio dell’Aquara Music Fest, con tanto di premio “Colonna sonora” col brano Luntano ‘a Te.

Nel 2023 la band pubblica due nuovi singoli, Terra C’Accide e Ce Credo Ancora, con la produzione artistica di Massimo De Vita dei Blindur. Entrambi i brani sono accompagnati da videoclip prodotti e girati interamente da “Produzioni Dal Bunker”, a cui si affidano anche per un restyling del logo e dell’immagine collettiva.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità
Verified by MonsterInsights