“Basta speculazioni e attacchi politici. Se il presidente De Luca aveva scelto di puntare nuovamente su mia moglie quale sub commissario sanitario per l’Asl Na 1 centro, era solo perché voleva lasciare l’Azienda in mani fidate e sicure, prima che fosse nominato il nuovo direttore generale. In ogni caso ricordo a quanti oggi amano pescare nel torbido, che proprio per sgomberare il campo dagli equivoci la dr.ssa. Guida ha deciso di rinunciare all’incarico”. Lo dice, in una nota, il consigliere regionale Alfonso Piscitelli (De Luca Presidente in Rete), presidente della Commissione Affari Istituzionali.
“Per quanti ancora non lo sapessero o fanno finta di non saperlo – spiega Piscitelli – la dr.ssa Antonella Guida era già in carica all’Asl Na 1 prima ancora che io fossi eletto consigliere, e né lei né il sottoscritto, in tutto questo tempo, abbiamo mai invocato poltrone o chiesto alcunché al presidente della giunta. Mia moglie, lo dicono le carte, può vantare un curriculum ed un’esperienza professionale di altissimo livello ed è stato evidentemente per questo che De Luca ha deciso di riconfermarla in un incarico egregiamente svolto a detta di tutti. Circostanza, questa che ho comunque appreso insieme a lei solo la sera prima che fosse ufficializzato”.
“Questa vicenda – ribadisce ancora Piscitelli – ci lascia piuttosto amareggiati. E francamente non capisco il senso delle critiche e delle polemiche che ci sono state mosse trattandosi, nel caso specifico della dr.ssa Guida, di un valido e stimato professionista che ha ben operato nel ruolo di sub commissario sanitario a tal punto da essersi meritata la fiducia e la stima del presidente De Luca”. “All’europarlamentare Fulvio Martusciello che tira in ballo i ‘regolamenti’ e parla di rigore, consiglierei, infine, di pensare piuttosto ai comportamenti da lui assunti in questi anni” conclude.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Verified by MonsterInsights