16 Aprile 2024

Sarà inaugurata al Museo Diocesano di Salerno il giorno 20 ottobre 2023 alle ore 18,00 la mostra di Lilliana Comes  DONNE CHE INCORRONO NEI LUPI.

La personale si svolgerà nell’ambito della IV edizione di L’Arte per la Giustizia 2023

La Mostra resterà aperta al pubblico fino al 27 ottobre.

L’Arte per la Giustizia è un progetto concepito nel dialogo fecondo tra gli uomini e le Istituzioni della città di Salerno.

L’idea si propone di costituire una sorta di osservatorio sui grandi temi legati al rapporto tra l’individuo e la giustizia e di interpretarli con il linguaggio della Musica e dell’Arte e attraverso Conversazioni con personalità ed esperti del tema trattato, traghettandoli per mezzo di esse fuori dalla cronaca sterile verso un atto di presa di coscienza che l’individuo è chiamato a compiere per il rispetto di quella regola che disciplina ed equilibra i rapporti del vivere civile.

Nell’arco di tre edizioni precedenti sono stati proposti ed interpretati circa venti temi.

La presente edizione, fortemente voluta dal Direttore del Conservatorio Martucci Fulvio Maffia, propone la riflessione sui temi

Gender Fluid, Furto di identità digitale, I Minori, L’Immigrazione, Fine Vita, Violenza di genere, si avvale della preziosa collaborazione dei Dirigenti scolastici Maria Alfano, Elisabetta Barone, Renata Florimonte che hanno inserito il progetto nel percorso formativo dei loro studenti.La rassegna si arricchisce di nuovi spunti di riflessione grazie all’invito alla lettura di testi proposti dalla Biblioteca Martucci.

IL CONCEPT DELLA MOSTRA DI LILLIANA COMES

“Ringrazio la Prof.ssa Imma Battisti curatrice dell’Evento L’Arte Per La Giustizia, per l’invito che ho accettato con entusiasmo.

Considero, “L’ Arte Per La Giustizia un Evento che, tramite l’arte e la cultura, aspiri ad una visione di sensibilizzazione sociale e di maggiore consapevolezza di quanta bellezza ed emozione possa portare, al mondo, quell’Universo custodito dalle anticheMuse delle Arti  da sempre protettrici di quell’articolata orchestra del sapere umano.

L’intento della mia mostra ”Donne Che Incorrono Nei Lupi” è quello di inviare, tramite una sciolta comunicazione visiva dal timbro  poetico ed evocativo un forte messaggio di riflessione su quel mondo femminile che attende, da sempre, l’abbattimento di quel doloroso MURO di discriminazione e di violenza sulle donne. Un sentito ringraziamento all’Avv. Teresa Liguori, coordinatrice dello Sportello antiviolenza SELENE, che da sempre sostiene i mie progetti artistici sul tema della violenza di genere.

IL PROGRAMMA

ore 18.00

Inaugurazione della mostra dell’artista Lilliana Comes  “Donne Che  Incorrono Nei Lupi” (con il supporto dello sportello antiviolenza Selene)

Introduce       

Imma Battista.

ore 18.30 Conversazioni condotte da Eduardo Scotti        

con 

Giuseppe Borrelli      

Procuratore della Repubblica di Salerno

Iside Russo    

Magistrato già Presidente della Corte di Appello di Salerno

Donatella Caramia    

Neurologa, Scrittrice

Teresa Liguori

Avvocato,Criminologa, Coordinatrice dello Sportello antiviolenza SELENE.

ore 19.15 CONCERTO PER DONNAMORE

Concerto-Spettacolo scritto e diretto da Liberato Santarpino con Cinzia Ugatti    

(Voce recitante) e con Emilia Zamuner (Voce), Giuseppe Scigliano (Bandoneon), Marco De Gennaro (Pianoforte), Gianmarco Santarpino (Sassofono), Liberato Santarpino (Violoncello).

BIOGRAFIA

Figlia d’arte(padre scultore e miniaturista) Lilliana Comes, artista partenopea, si diploma all’Istituto d’Arte  Palizzi  e frequenta l’Accademia Di Belle Arti di Napoli.Pittrice, scultrice e illustratrice sono numerose sono le sue mostre in Italia e all’estero.

Le sue opere sono state esposte a Nizza, Copenaghen, Berlino, Berna, Londra, New York, Repubblica di S.Marino, Città del Vaticano,con il ciclo “Mediterranean” all’ “International Boat Show” di Qingdao (Cina).

Nel 2012 riceve il Premio per la Carriera Artistica, conferitogli dalla Regione Lazio, e nel 2013, con “Le Donne d’Europa”, è invitata dall’Università Federico II di Napoli (curando anche quattro immagini di copertina per la Rivista Internazionale di Genere-La Camera

Blu) per una personale alla Fondazione Mediterraneo, nell’ambito del congresso internazionale Beyond the Crisis curandone anche il manifesto.

Nel 2014 partecipa a “Arte Dubai” e ad “An Art Search” di Londra . Nel 2015, la sua arte è protagonista della Fashion for Art “Benetton wears Lilliana Comes” con il brand Benetton a Fiuggi Terme.

Nel 2016, con il patrocinio del Comune di Perugia e la Regione Umbria, nella prestigiosa sede di Torre Strozzi,  presenta la personale “Voices in the Moonlight – Parole di Donne” la cui  tematica di genere  ha avuto modo di essere sostenuta  da Dario Fo.

Nel 2017,al PAN di Napoli presenta, in  collaborazione con l’Arch.R. Iannone,  la mostra foto pittorica  ReportArt  Grida di Fata,( arte-poesia nei luoghi dello scempio ambientale) .

Nel 2018 per il Settembre Culturale ad Agropoli , con il Patrocinio Dei Beni Culturali, la personale d’arte pittorica Alma Mediterrànea  al Castello Angioino Aragonese a cura del critico d’arte Antonella Nigro( servizio TG3 di Claudio della Rocca). Artista invitata come ospite, fra le eccellenze internazionali, alla Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno 218 e riconfermata nel 2020.

Nel dicembre 2023     presenta la personale Le Magie della Visione alla Melkart Gallery di Nizza e cura  la direzione artistica di Carpediem dell’Art a Nizza e dell’evento“Entre Terre et Mer” a Châteauneuf de Grasse –Francia. Direttrice artistica della Biennale Di Procida Capitale della Cultura è attualmente     direttrice artistica di Le Vele dell’Arte- Coted’Azur Francia.

Illustratrice in campo editoriale curando numerose immagini di copertina e illustrazioni per libri e riviste, fra cui l’articolo di Panorama “Migrazione minorile in Egitto” e il progetto editoriale “A vent’anni dal genocidio ruandese”, pubblicato da Cronache Internazionali.

In collaborazione con la scrittrice Gigliola Izzo nascono i disegnati-racconti sulle tematiche di genere  per il  progetto della collana editoriale Narrazioni Resistenti, illustrando i libri “Dondolo” “Lucie” e Domiziana.Per la scrittrice Savina Reverberi  crea le  illustrazioni per il libro sull’eroina partigiana Gabriella degli Esposti. 

Ultima pubblicazione editoriale  “La fata dei bambini” (presentato a TGR da

Claudio Ciccarone nell’Angolo del Leggilibri) libro sui diritti all’infanzia della scrittrice (avvocato tutore dei minori)  Brunella Testa.

 Nel 2022 è direttrice artistica della Biennale Di Procida Capitale della Cultura e attualmente direttrice, in vari eventi, di Le Vele dell’Arte-Coted’Azur Francia.    

Articoli e interviste su Donna Moderna, Vanity Fire, Il Mattino, Repubblica, Onu Italia, Panorama, Cronache Internazionale.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità
Verified by MonsterInsights