Birra gratis alla Rotonda Diaz: arriva beerETTA

 

Domenica 26 marzo alle 12 la presentazione del veicolo dedicato allo street food con l’ideatore Giovanni Kahn della Corte, l’architetto Nicola Flora ed il campione di pallanuoto Amayris Perez (altro…)

Leggi il seguito

Decorazioni in zucchero per torte, le protagoniste della 2ª giornata di Levante Prof

Fiori, farfalle e pizzi in pasta di zucchero sono stati i protagonisti della seconda giornata di Levante PROF, la fiera internazionale specializzata nella filiera del grano (panificazione, pasticceria, pizzeria e pasta fresca), gelateria, birra, vino, bar, ristorazione, confezionamento & hotellerie, organizzata da DMP Srl di Roma, in programma sino a mercoledì 14 marzo. Presso lo stand della Federazione Italiana Gelatieri – FIG si è svolto il laboratorio di cake design tenuto da Loredana Atzei di Laconi (Sardegna) – campionessa del mondo di decorazione di torte, nella categoria fiori di zucchero -, che ha divertito e incantato il numeroso pubblico specializzato con la realizzazione di farfalle e pizzi dai mille colori. (altro…)

Leggi il seguito

Tutti pazzi per i Pokemon? E se qualcuno li volesse mandare a casa? #PokemonGo #PokemonGoHome #Cerescè

Su twitter ieri si è verificato il divertentissimo scambio di tweet dedicato all’uomo politico più in vista del panorama italiano al momento: Matteo Salvini. 
Al tweet di Salvini incentrato sulla famosissima app #PokemonGo , Ceres non ha potuto fare a meno di rispondere con la sua ironia :
@matteosalvinimi, se riusciamo a rimandarli al loro paese ci offri una birra? #PokemonGo #PokemonGoHome

 

Come può un Manga dei primi anni 2000 riciclarsi attraverso una app per dispositivi mobili e far letteralmente impazzire il pianeta? Semplice, dando la possibilità di catturare i più rari pokemon per strada in tutto il mondo! E’ questo il caso di Pokemon Go ispirata al famoso cartone giapponese che proprio come per la seguitissima serie tv ha come mission quella di acciuffare quanti più animaletti possibili.

Leggi il seguito

“Colorito ” new entry per il food d’eccellenza casertano, a due passi dalla Reggia di Caserta

A cura di Valentina Nasso
Aristotele diceva che la filosofia nasce quando l’uomo ha risolto i suoi bisogni primari, prima del semplice cibo solo il buon cibo può aggiudicarsi questa posizione, aggiungeremo ai giorni nostri.

Sposa a perfezione questo concetto “Colorito ” new entry per il food d’eccellenza casertano, a due passi dalla Reggia di Caserta, in uno spazio ampio dedicato appunto alle eccellenze enogastronomiche casertane e campane in cui ogni angolo e’un angolo di paradiso culinario. (altro…)

Leggi il seguito

La storia di Fuorigrotta attraverso la Pizzeria Add’ò Guaglione

Tifa Italia come la pizza Cannavaro, tripudio di leggerezza e sapore in una pizza con rucola, chiodini, pancetta e pomodori da insalata. La pizza dedicata a Paolo Cannavaro.

Le cose semplici spesso vengono viste con fare oramai superato, vecchio e modificato in meglio; di questo non vi è concezione più sbagliata soprattutto per quanto riguarda il cibo ed in particolare la pizza. Partendo quindi dalla semplicità e premettetemi dalla genuinità parliamo di tradizione e di come un pezzo della città sia parte integrante del tessuto sociale.
Questi concetti sono ben identificati in una pizzeria che da anni, anzi da generazioni è parte integrante nel un quartiere Fuorigrotta ovvero Pizzeria Add’ò Guaglione sita in via Consalvo 101, offre ai tanti ed affezionati clienti un motivo in più per continuare a vivere le tradizioni ed il successo sin qui ottenuto, attraverso l’accoglienza. In questo locale famiglie, ragazzi, adulti e anziani ci arrivano grazie al classico passaparola poiché il segreto del successo è proprio il rapporto  di amicizia che si instaura tra clienti e la famiglia Urzitelli.

Leggi il seguito

Annuncio inaspettato: “Nel vino e nella birra c’è l’albume”. Parla lo chef Martino Beria

“Nel vino e nella birra c’è l’albume”. Lo rivela lo chef vegano Martino Beria nel programma Sapori di Sera con Roberto Esse che consiglia di prediligere vini di cui si sa la storia e si conosce il produttore, perché la maggior parte dei vinificatori usa le chiare l’uovo per schiarire e ammorbidire i tannini.”

Leggi il seguito